I cibi “droganti” che creano dipendenza

Un alimento “drogante” si riconosce per l’ abbondanza, di sale, zucchero e grasso sia negli alimenti dolci che in quelli salati, come per esempio in molti dolci industriali con alte percentuali di sale, o panini e salatini industriali contenenti zucchero.

Pizza
Da uno studio ubblicato su PlosOne, fra i primi alimenti “droganti” c’è la pizza, soprattutto quella già confezionata, dove la mancanza di ingredienti freschi, a beneficio di quelli industriali, ne fa una voglia assoluta.

Scegliete  una pizza fatta con farine macinate a pietra, meglio se con miscele di grano integrale e grano duro, senza troppo sale e possibilmente lievitata con pasta madre,  con una giusta quantità di mozzarella, pomodoro e olio extravergine d’oliva.

Cioccolato
Per ridurre l’effetto dipendenza è senz’altro meglio il cioccolato fondente, con cacao superiore al 70% perché quello al latte contiene molti grassi.
Con la giusta dose, una decina di grammi, corrispondenti a due quadratini piccoli.

Biscotti
Difficile trovarne senza additivi, sono un concentrato di zucchero, sale e grasso, con percentuali di grasso a volte come quelle dei salumi.
Mangiarne uno, molto lentamente, ci si accorge di un’immediata sensazione gustosa, seguita però da una sensazione sgradevole, a volte nauseabonda, se continuiamo a masticarli piano prima di deglutirli.

Accade perché in generale tutto il cibo-spazzatura e drogante richiede di essere mangiato in fretta, quindi mangiarlo lentamente è già un modo per riconoscerlo e difendersene.
La cosa migliore sarebbe quella di farsi i biscotti per conto proprio, così da poter controllare gli ingredienti e ridurre lo zucchero .

Patatine confezionate
La grande quantità di sale, come pure l’eccesso di oli strafritti ne fanno fra i cibi “droganti” per eccellenza.
Sono anche salate e nutrizionalmente “vuote”, il che significa che non riempiono per niente e si finisce così per mangiarne all’infinito.
Le patatine, facciamole in casa con meno sale, più spezie ed erbe aromatiche e con l’olio scelto da noi.
L’ideale sarebbe  cuocerle in forno, anziché friggerle.

Gelato
Date le percentuali di zucchero e grasso, se non fosse freddo, faremmo fatica a mangiarlo da quanto risulterebbe stucchevole, se proprio non si può fare a meno del gelato, scegliete quello artigianale, considerandolo però un alimento vero e mangiarlo al posto del primo o del secondo piatto.

Dolci
È davvero difficile riuscire a limitarsi ad una sola fetta di torta, perché il desiderio di fare il bis è fortissimo.
Anche questo è dovuto alla contemporanea presenza di sale, zucchero e grassi.
Meglio limitare i dolci industriali e scegliere piuttosto di farli in casa, privilegiando farine con basso indice glicemico e percentuali minime di zucchero e burro.

Hamburger
Cibo malsano e pieno di grassi saturi è  gli svantaggi non riguardano solo il girovita, poiché una dieta ricca di carne rossa può aumentare il rischio di gravi patologie, come il cancro al colon-retto, il diabete di tipo 2 e l’insufficienza renale.
Prepararsi da soli il proprio hamburger è meglio soprattutto se si elimina del tutto il pane e lo si mangia al naturale.
Va bene l’hamburger mangiato a casa o al ristorante, se viene cucinato al momento, ma non più di una volta ogni due settimane.

Cereali da colazione
Un’apoteosi di sale, zucchero e grasso, truccato da prodotto salutare che fa tanto bene. Meglio acquistare i fiocchi di cereali grezzi al naturale e fare da soli la miscela di cereali per colazione, aggiungendo semi oleosi, frutta fresca e secca.

Redazione
L’obiettivo de L’Ortica è quello di creare un luogo dove l’informazione non si confonda con i numerosi altri siti di notizie generaliste ma attraverso una satira di qualità ed una provocazione intelligente riesca a creare nel pubblico l’interesse costante a visitarla ed a partecipare anche attivamente. Ad una informazione precisa sugli avvenimenti locali si aggiunge quindi una stimolazione continua alla lettura degli articoli che diventano un passaggio quasi obbligato non solo per i soggetti, pubblici e non, che risultano protagonisti dei pezzi pubblicati ma anche per una larga fetta di pubblico che, stanca di una informazione paludata, ricerca una valida alternativa che la rappresenti in modo intelligente e dinamico.

LASCIA UNA RISPOSTA