Quando tutto sembrava andare per il meglio ecco i soliti episodi che complicano le gare dell’Arezzo.
Le foto
Gli amaranto chiudono i primi 45’ in vantaggio di 2 reti contro un Grosseto nettamente inferiore e tutto fa presupporre che la ripresa possa essere una fotocopia del primo tempo. Ma ecco che tra l’8’ e l’11° del secondo tempo le cose si complicano per i padroni di casa.

Il primo episodio porta al goal dei maremmani che riducono così le distanze.
L’arbitro concede una punizione, molto generosa, per fallo di Polvani.
Palla in area ed Alexsic è il più lesto di tutti a deviare in rete.

Gli amaranto riprendono subito in mano le redini del gioco e dopo solo tre minuti ecco che Zona entra in area, scatta due avversari e viene messo a terra, o almeno questa è l’im pressione dalla tribuna.
L’arbitro non è dello stesso parere e, non solo non concede la massima punizione, ma ammonisce il giocatore amaranto che aveva preso il giallo già nel primo tempo.
Secondo cartellino ed espulsione.

Arezzo in 10 per la terza volta consecutiva in casa e spettri che si aggirano sul Città di Arezzo.
Indiani corre subito ai ripari.
Fuori Bramante e dentro Poggesi.

Questa volta però i padroni di casa riescono a portare in porto la gara e conquistare i tre, sudatissimi punti.

E pensare che dopo solo 17’ di gara l’Arezzo poteva già vantare il doppio vantaggio.
Il primo goal arriva al 9’ quando Bianchi prova dalla lunga distanza.
Il tiro é forte e teso ed il portiere avversario, non impeccabile, tocca appena la palla che entra comunque in rete.
Il raddoppio al 17’. Grande finta di Castiglia a centrocampo che libera Settembrini.
Il capitano vede Bramante tutto solo sulla fascia destra e gli passa il pallone.
Bramante entra così in area e supera Gil de Oliveira con un bel pallonetto.

Purtroppo gli amaranto non riescono a mettere al sicuro il risultato e la partita si riapre, come detto, nella ripresa.
La squadra di Indiani è stata però attenta e brava a non concedere la possibilità del pareggio ai grossetani.

Nota dolente il risentimento muscolare che ha costretto Gaddini a chiedere la sostituzione prima del termine della prima parte di gara.

Il ritorno alla vittoria, oltretutto in una partita che si stava mettendo in un binario pericoloso, è comunque un ottimo segnale per l’Arezzo che è ora atteso da due trasferte consecutive di cui, la seconda, in casa della Pianese attualmente in testa alla classifica.

Oggi la squadra di Bonuccelli ha dato una lezione di calcio a quel Livorno terza incomoda per la promozione dirette.
I labronici hanno subito una sonora sconfitta rimediando tre reti al passivo ed una espulsione oltre agli infortuni di Pecchia e Lo Faso usciti entrambi nei primi 45’ ) punti di distacco dalla prima e sette dall’Arezzo sono già moltissimi anche per chi potrebbe rivoluzionare la rosa al prossimo mercato.
Chi invece non molla e rimane attaccato al trenino delle prime è il Poggibonsi che oggi ha superato di misura ilMontespaccato ottenendo la quinta vittoria consecutiva ed attestandosi a 24 punti.

AREZZO (4-3-3): 1 Trombini; 23 Pericolini, 17 Lazzarini, 6 Polvani, 20 Zona; 8 Settembrini, 5 Bianchi, 21 Castiglia; 16 Bramante (13′ st 15 Poggesi), 19 Diallo (41′ st 28 Gucci), 11 Gaddini (43′ pt 7 Convitto; st 41′ st 10 Pattarello).
A disposizione: 22 Viti, 9 Boubacar, 13 Bruni, 14 Forte, 25 Dema.
Allenatore: Paolo Indiani.

GROSSETO (4-3-3): 1 De Oliveira (1′ st 12 Di Bonito); 2 Crivellaro, 6 Scognamiglio, 5 Ciolli, 3 Luzzatti; 4 Martino (41′ st 18 Cesaroni), 8 Bramati, 7 Battistoni (1′ st 16 Carannante); 10 Tripicchio, 9 Aleksic (28′ st 20 Rotondo), 11 Scaffidi.
A disposizione: 13 Panza, 14 Bruno, 15 Veronesi, 17 Bajic, 19 Cauterucci.
Allenatore: Andrea Liguori.

ARBITRO: Stefano Selva di Alghero (Tommaso Tagliafierro di Caserta – Matteo Manni di Savona).

RETI: pt 9′ Bianchi, 18′ Bramante: st 8′ Aleksic.
Note – Spettatori: 2.237 (1.315 paganti, 922 abbonati). Recupero: 1′ + 7′. Angoli: 7-2.

Ammoniti: pt 44′ Zona; st 11′ Castiglia, 12′ Martino, 23′ Diallo, 30′ Scognamiglio, 34′ Liguori, 38′ Rotondo. Espulsi: all’11’ st Zona per doppia ammonizione; al 40′ st Liguori per proteste.

LASCIA UNA RISPOSTA