Si presenta a dare gli esami della patente di guida al posto di un connazionale: denunciato  

La Polizia di Stato di Arezzo, in collaborazione con i Funzionari della Motorizzazione Civile, ha smascherato un 27enne nigeriano che stava sostenendo gli esami per il conseguimento della patente di guida al posto di un connazionale.

E’ probabilmente per la difficoltà nella comprensione della lingua italiana, o, ancora più grave, per non essere a conoscenza dei segnali stradali e delle regole per la circolazione o più semplicemente per mancanza di voglia di studiare, che un trentenne nigeriano residente ad Arezzo ha incaricato un suo connazionale di sostituirlo nell’esame teorico per conseguire la patente.

Per questo, il provetto autista si era presentato davanti a un Funzionario della Motorizzazione, al quale aveva mostrato il documento del suo amico, con una foto peraltro a lui molto somigliante e si era seduto al posto assegnatogli per sostenere la prova al suo posto.

Quando tutto era pronto per iniziare, però, è rimasto senza fiato davanti ai due agenti in borghese dell’Ufficio di Polizia Giudiziaria della Stradale di Arezzo, che lo hanno smascherato e che, dopo un suo inutile tentativo di farsi beffa di loro, hanno individuato anche il “mandante”, un connazionale residente nel capoluogo toscano.

I poliziotti, da tempo attenti a contrastare il pericoloso fenomeno, hanno quindi denunciato i due furbetti dell’esame e, già che erano lì, individuato e denunciato un terzo uomo, anch’egli nigeriano, che cercava di superare l’esame indossando auricolare e telecamera, così da ricevere le risposte ai quiz da un probabile complice.

Redazione
L’obiettivo de L’Ortica è quello di creare un luogo dove l’informazione non si confonda con i numerosi altri siti di notizie generaliste ma attraverso una satira di qualità ed una provocazione intelligente riesca a creare nel pubblico l’interesse costante a visitarla ed a partecipare anche attivamente. Ad una informazione precisa sugli avvenimenti locali si aggiunge quindi una stimolazione continua alla lettura degli articoli che diventano un passaggio quasi obbligato non solo per i soggetti, pubblici e non, che risultano protagonisti dei pezzi pubblicati ma anche per una larga fetta di pubblico che, stanca di una informazione paludata, ricerca una valida alternativa che la rappresenti in modo intelligente e dinamico.

LASCIA UNA RISPOSTA