Arrestato camionista sorpreso a “succhiare” gasolio dal serbatoio di un collega fermo a dormire 

La Polizia di Stato di Arezzo, nella notte di ieri, ha sorpreso in flagranza un camionista, che stava rubando del gasolio dal serbatoio di un collega, fermo a dormire all’interno di un’area di sosta dell’autostrada.

Erano le 1.00 di notte quando un autotrasportatore, che riposava sul suo camion all’interno dell’area di parcheggio Civitella, ha sentito dei rumori e un forte odore di gasolio provenire dall’esterno.

Immaginando cosa stesse accadendo, ha chiesto aiuto al Centro Operativo della Polizia Stradale di Firenze, che ha immediatamente inviato sul posto le pattuglie della Sottosezione di Battifolle in servizio di vigilanza lungo l’autostrada del sole.

I poliziotti sono piombati al buio e all’improvviso, sorprendendo, così, l’uomo intento a estrarre, con una pompa, il gasolio dal serbatoio di un autotreno.

Vistosi scoperto il camionista ha tentato di fuggire ma è stato subito bloccato dalla seconda pattuglia che, previdentemente, si era posizionata in modo da chiudere tutte le sue possibili vie di fuga.

Tanta laboriosità notturna, quindi, questa volta non ha ripagato il ladro, il quale anziché dormire aveva già stivato, dentro il suo camion, 6 taniche da 30 litri di gasolio e che, c’è da esserne certi, se non fosse intervenuta la Polizia avrebbe continuato la sua “aspirazione” lasciando a secco il collega.

Oltre a questo è stato rinvenuto anche un kit di pompe da aspirazione, che dimostra l’abitudine a questa tecnica di prelievo; un modo evidentemente del tutto personale per aggirare il problema del caro gasolio.

L’uomo, uno straniero 43enne, è stato arrestato e tutto l’armamentario sequestrato.

 

Redazione
L’obiettivo de L’Ortica è quello di creare un luogo dove l’informazione non si confonda con i numerosi altri siti di notizie generaliste ma attraverso una satira di qualità ed una provocazione intelligente riesca a creare nel pubblico l’interesse costante a visitarla ed a partecipare anche attivamente. Ad una informazione precisa sugli avvenimenti locali si aggiunge quindi una stimolazione continua alla lettura degli articoli che diventano un passaggio quasi obbligato non solo per i soggetti, pubblici e non, che risultano protagonisti dei pezzi pubblicati ma anche per una larga fetta di pubblico che, stanca di una informazione paludata, ricerca una valida alternativa che la rappresenti in modo intelligente e dinamico.

LASCIA UNA RISPOSTA