Arezzo: il regolamento per l’utilizzo delle aree di sgambamento per i cani

Adam

Approvato su proposta dell’assessore Giovanna Carlettini il regolamento per l’accesso e l’utilizzo delle 20 aree per cani distribuite fra 18 parchi pubblici cittadini: “il testo detta norme a garanzia della corretta fruizione dei suddetti spazi, del benessere degli animali, della sicurezza di questi ultimi e delle persone.

Il regolamento: le aree in questione sono individuate da apposito cartello, posto in prossimità dell’ingresso, con la dicitura “Area pubblica di sgambamento per cani”.
Vi possono accedere solo i cani accompagnati dai proprietari.
I cani dentro l’area devono essere sei al massimo, iscritti all’anagrafe canina e identificati da apposito microchip, in buono stato di salute e sottoposti ai trattamenti preventivi vaccinali e antiparassitari.

I cani nelle aree in questione possono stare in libertà, senza guinzaglio e museruola, ma i responsabili devono comunque essere muniti di entrambi, da utilizzare per motivi di sicurezza in caso di necessità.
Se ci sono persone in attesa fuori con i loro animali, il cane all’interno potrà sostarvi per massimo mezz’ora.
È vietato lasciare a terra rifiuti di qualsiasi genere e deiezioni.
La vigilanza su queste aree è svolta dalla polizia municipale e dalle guardie zoofile autorizzate.

Renato Viscovo ha voluto dare pubblica dimostrazione di vicinanza alla famiglia proprietaria del cane rimasto recentemente vittima di un aggressione mortale in un parco cittadino mentre per Michele Menchetti sarà difficile controllare se i cani presenti siano sottoposti a tutti i trattamenti richiesti.
Luciano Ralli ha ricordato che “ci sono già inquadramenti regolamentari di cui il Comune si è dotato che potrebbero confliggere con il testo che ci viene sottoposto.
A controllare il rispetto di questo regolamento, peraltro molto dettagliato, ci sono anche le guardie zoofile autorizzate che potrebbero avere qualche problema a verificare ogni aspetto previsto”.

La delibera è stata approvata con 17 voti favorevoli.

Redazione
L’obiettivo de L’Ortica è quello di creare un luogo dove l’informazione non si confonda con i numerosi altri siti di notizie generaliste ma attraverso una satira di qualità ed una provocazione intelligente riesca a creare nel pubblico l’interesse costante a visitarla ed a partecipare anche attivamente. Ad una informazione precisa sugli avvenimenti locali si aggiunge quindi una stimolazione continua alla lettura degli articoli che diventano un passaggio quasi obbligato non solo per i soggetti, pubblici e non, che risultano protagonisti dei pezzi pubblicati ma anche per una larga fetta di pubblico che, stanca di una informazione paludata, ricerca una valida alternativa che la rappresenti in modo intelligente e dinamico.

LASCIA UNA RISPOSTA