L’ex prete di Montecchio, Mauro Cioni condannato a 14 anni e 8 mesi

In sede di Corte d’Appello a Firenze, è stata aumentata la pena fino a 14 anni e 8 mesi, dopo il rinvio da parte della Cassazione, a carico di Mauro Cioni, l’ex prete divenuto santone che aveva creato una vera e propria setta a Montecchio di Cortona.

E’ stata confermata l’accusa di riduzione in schiavitù di nove “fedeli”,  plagiati da Cioni e ridotti a schiavi, dal punto di vista sessuale ed economico, sfruttando la loro condizione di sudditanza psicologica, per guadagnare la salvezza eterna della loro anima.

I giudici della Corte d’Appello, presieduti da Alessandro Nencini, hanno inflitto un aumento della pena a carico del santone rispetto agli otto anni iniziali richiesti solo per il reato di violenza sessuale.

In appello a Cioni era stata ridotta condanna inflittagli in primo grado a 15 anni, a seguito del ricorso in Cassazione, confermando la pena di otto anni per violenza, derubricando invece la riduzione in schiavitù dei seguaci a  maltrattamenti, reato che nel frattempo è andato prescritto.

Redazione
L’obiettivo de L’Ortica è quello di creare un luogo dove l’informazione non si confonda con i numerosi altri siti di notizie generaliste ma attraverso una satira di qualità ed una provocazione intelligente riesca a creare nel pubblico l’interesse costante a visitarla ed a partecipare anche attivamente. Ad una informazione precisa sugli avvenimenti locali si aggiunge quindi una stimolazione continua alla lettura degli articoli che diventano un passaggio quasi obbligato non solo per i soggetti, pubblici e non, che risultano protagonisti dei pezzi pubblicati ma anche per una larga fetta di pubblico che, stanca di una informazione paludata, ricerca una valida alternativa che la rappresenti in modo intelligente e dinamico.

LASCIA UNA RISPOSTA