Indovina indovinello, de ‘ndo viene ‘sto torello? Da ‘n se credere!

Davvero, tutto avrei potuto immaginare meno che quello che ho verificato in val di Chiana. Aretini tenetevi forte, i buoi che trainano il Carroccio del Palio di Siena (quello che trasporta proprio il Palio) vengono da un allevamento di Pozzo della Chiana!
Sì avete capito bene, dalla provincia di Arezzo, lì dove si parla il chianaiolo stretto.

Ma non era che moglie e buoi dovevano essere dei paesi tuoi?
Sarà possibile che gli aretini diano il prodotto dei propri allevamenti ai senesi?

Non c’è più religione.
Fanti e i cavalieri che parteciparono da vincitori aretini alla battaglia di Pieve al Toppo si rivoltano nella tomba.
Non resta che sperare che i buoi in piazza del Campo ci cachino alla grande.

E speriamo che i due fratelli Donnini, allevatori nostrali di Chianina, si facciano pagare bene per portare i buoi in piazza del Campo.

Ma non basta, come direbbe Salvini, perché Arezzo i favori a Siena ‘un glieli deve fare… capito!!

Ma diteme voi; da ‘n se credere…

 

Carlo Landi
Pievano tallese (Pievan Landi) avvezzo a rispondere per le rime...

1 COMMENTO

  1. Curiosità per curiosità. Il carroccio fu introdotto nel corteo storico del Palio di Siena nel 1813, ma trainato da cavalli; è attaccato ai bovi chianini dal 1928. Fino agli anni Sessanta gli animali venivano da un podere nei pressi di Siena, tanto che arrivavano a piedi. Da allora in poi i bovi vengono dalla Valdichiana aretina, con il camion.
    Ad agosto, non trainano il carroccio soltanto per il Palio ma anche il giorno 14, quando dal Chiasso Largo muove il corteo dei 《ceri e dei censi》diretto al Duomo, per recarvi il cero che il Comune offrirà alla Madonna Assunta insieme a quelli di tutte le Contrade.
    Si dice che prima del loro impiego i candidi bovi vengano cosparsi di borotalco; sicuramente gli vengono lucidati di nero gli zoccoli.

LASCIA UNA RISPOSTA