Campionato Italiano Marathon MTB: buona la prova degli aretini

Il podio maschile

Ad Aielli in Abruzzo si è svolto oggi il Campionato Italiano Marathon diMTB.

Gara che ha visto 900 partenti,  massacrante per i suoi 106,40 km con oltre 2080 metri di dislivello, si è rivelata gara a eliminazione per il caldo, alle 8,45 infatti il termometro segnava già 20 gradi.

La vittoria è andata al vicentino Samuele Porro, (Trek Selle San Marco)  4h.49.41
quinto a 8 minuti Francesco Failli. (Cicli Taddei)

Anche il Biking Team di Arezzo era impegnato nella difficile prova del Campionato Italiano Marathon.

Nonostante il percorso durissimo e caldissimo,  Daniele Rossi si è piazzato 40.mo assoluto e 5° di categoria in 05:31:13.06
Entrano nei 100 assoluti Luca Celli e Luca Bertelli .

Da segnalare la bella prova della Casentinese Silvia Scipioni (Cicli Taddei) che ha terminato in 6h.22. 29 quarta tra le donne, dietro a tre professioniste, ma la prima della categoria amatori. (W1)
Nelle prime 10 donne anche l’altra atleta casentinese Monica Petruccioli (GSPoppi) 6h.53.23
prima nella categoria (EWS)

Altri risultati di rilievo:

51.mo  Patrizio Paperini (Team Scott Pasquini Stella Azzurra) 05:37:09.56
52.mo Luca Montelatici (Team Scott Pasquini Stella Azzurra) 05:37:11.46
54.mo   Simone Tassini   (Team Scott Pasquini Stella Azzurra) 05:39:17.12
55.mo  Fabrizio Pezzi  (Avis Pratovecchio) 05:41:07.07
59.mo Federico Bartalucci  (Team Scott Pasquini Stella Azzurra) 05:42:33.58

Redazione
L’obiettivo de L’Ortica è quello di creare un luogo dove l’informazione non si confonda con i numerosi altri siti di notizie generaliste ma attraverso una satira di qualità ed una provocazione intelligente riesca a creare nel pubblico l’interesse costante a visitarla ed a partecipare anche attivamente. Ad una informazione precisa sugli avvenimenti locali si aggiunge quindi una stimolazione continua alla lettura degli articoli che diventano un passaggio quasi obbligato non solo per i soggetti, pubblici e non, che risultano protagonisti dei pezzi pubblicati ma anche per una larga fetta di pubblico che, stanca di una informazione paludata, ricerca una valida alternativa che la rappresenti in modo intelligente e dinamico.

LASCIA UNA RISPOSTA