Barista “serve” cocaina ai clienti, arrestata (video)

Nel pomeriggio di ieri equipaggi dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico e della Squadra Mobile della Questura di Arezzo, con il concorso di equipaggi del Reparto Prevenzione Crimine e dell’Unità Cinofila di Firenze, hanno svolto dei servizi mirati al contrasto dei reati in materia di stupefacenti soprattutto nella zona Saione, Campo di Marte e Villaggio Dante.

Nell’ambito dei servizi sono stati controllati locali pubblici, parchi e la zona della stazione ferroviaria, consentendo l’arresto di una donna, titolare di un bar.
Troppo sospette erano infatti divenute le frequentazioni di questo bar, al “Villaggio Dante”, per passare inosservate agli occhi degli agenti della Squadra Mobile.

Gli investigatori infatti avevano oramai accertato che i “clienti”, molti dei quali conosciuti come assuntori di stupefacenti, entravano nell’esercizio commerciale e uscivano dopo pochi istanti senza aver consumato niente.
Anomali erano anche gli orari di apertura del bar che solitamente rimaneva chiuso tutta la mattina per aprire alle prime ore del pomeriggio, facendo così sospettare che i veri introiti non provenissero propriamente da panini o bevande ma da altro.

Così nel pomeriggio di ieri è scatto il blitz: gli agenti opportunamente dislocati nella zona nota no un ragazzo entrare nel bar e uscire pochi istanti dopo senza aver bevuto nemmeno un caffè; prima di uscire inoltre viene chiaramente visto mentre nasconde qualcosa all’interno dei pantaloni.
Il giovane viene seguito e fermato poco dopo accertando che all’interno dei pantaloni ha naascosto una dose di cocaina da 0,5 grammi.
Il ritrovamento conferma tutti i sospetti, rendendo  necessaria l’immediata perquisizione del bar.

Il controllo degli agenti permette  di trovare dentro il frigobar del bancone, occultate dentro una confezione in plastica di un succo di frutta, altre 15 dosi di cocaina confezionate con le medesime modalità di quelle trovate al ragazzo, mentre altre due “palline” di cocaina vengonoi trovate sotto un incavo di un tavolo nel retro del bar.

La conseguente perquisizione domiciliare, infine, permette il sequestro di altre 10 dosi di cocaina, anche queste nascoste nel frigorifero dentro una confezione in plastica di yogurt, e di circa 3.000 euro in contanti suddivisi in banconote di vario taglio.

Per la donna, 46 anni e con precedenti di polizia specifici, è quindi scattato l’arresto per detenzione e spaccio di stupefacenti e verrà sottoposta oggi a giudizio direttissimo.

Redazione
L’obiettivo de L’Ortica è quello di creare un luogo dove l’informazione non si confonda con i numerosi altri siti di notizie generaliste ma attraverso una satira di qualità ed una provocazione intelligente riesca a creare nel pubblico l’interesse costante a visitarla ed a partecipare anche attivamente. Ad una informazione precisa sugli avvenimenti locali si aggiunge quindi una stimolazione continua alla lettura degli articoli che diventano un passaggio quasi obbligato non solo per i soggetti, pubblici e non, che risultano protagonisti dei pezzi pubblicati ma anche per una larga fetta di pubblico che, stanca di una informazione paludata, ricerca una valida alternativa che la rappresenti in modo intelligente e dinamico.

LASCIA UNA RISPOSTA