Segnalazione su Crocodile Acquapark: riceviamo e pubblichiamo, foto

Lunedì sono andata al Crocodile Acquapark con mio figlio di 7 anni, dopo aver letto un magnifico articolo su Arezzonotizie che parlava proprio di questa tanto aspettata riapertura, con foto ad inizio articolo.
Queste sono le foto scattate da me lunedì: penso che non abbiano bisogno di commento.

Sono molto arrabbiata per vari motivi: prima cosa mi chiedo come possano aver dato dei permessi a livello sanitario, sicurezza etc a una struttura in queste condizioni.
Secondo ho cercato di contattare Arezzonotizie senza alcun esito per avere chiarimenti sui 3 articoli relativi a questa riapertura.

Si può scrivere un articolo senza aver la minima idea del posto?

La foto messa da loro risale a 15/20 anni fa, mi sembra pubblicità ingannevole.

Quindi ho dovuto fare io la “giornalista” e documentare una realtà ben diversa da quella presentata.

Mi sento truffata, presa in giro.
un’amica mi ha consigliato di contattarvi x aiutarmi e fare luce un po’ in questa situazione vergognosa, è da denuncia, non si può capire il livello di degrado, sudicio, sporco, una presa di giro in piena regola, acqua giallo/verdina (ed era il secondo giorno di apertura), muffa, calcinacci in acqua, cloro inesistente, fra qualche giorno ci saranno anche le rane e la sicurezza degli scivoli?

Chi ha la fatto manutenzione?
E la SIAE?ASL?.

Non credo che abbiano nessun tipo di permesso.
Grazie e spero mi possiate aiutare, spero che non venga preso in giro nessun altro, o dobbiamo aspettare qualche tragedia?

Per poi non parlare dei due bagnini assolutamente inesistenti
(seduti sotto l’ombrellone a chiacchiera)

A chi piace il vintage puro e duro, rischiate la salute e magari la vita mi sembra un luogo perfetto.

Redazione
L’obiettivo de L’Ortica è quello di creare un luogo dove l’informazione non si confonda con i numerosi altri siti di notizie generaliste ma attraverso una satira di qualità ed una provocazione intelligente riesca a creare nel pubblico l’interesse costante a visitarla ed a partecipare anche attivamente. Ad una informazione precisa sugli avvenimenti locali si aggiunge quindi una stimolazione continua alla lettura degli articoli che diventano un passaggio quasi obbligato non solo per i soggetti, pubblici e non, che risultano protagonisti dei pezzi pubblicati ma anche per una larga fetta di pubblico che, stanca di una informazione paludata, ricerca una valida alternativa che la rappresenti in modo intelligente e dinamico.

LASCIA UNA RISPOSTA