Da Perugia a Sansepolcro per adescare e poi derubare gli anziani

Ieri pomeriggio i Carabinieri di Sansepolcro hanno arrestato tre cittadini di origine romena nei pressi del centro commerciale Valtiberino.
Due donne ed un uomo, nullafacenti, tutti di età compresa tra i 22 ed i 29 anni e provenienti dalla provincia di Perugia.

Mentre l’uomo resta  in attesa fuori dai negozi in na lussuosa automobile di grande cilindrata, parcheggiata nell’area antistante il centro commerciale, le due donne si aggir ano per i corridoi della struttura, quando ad un certo punto individuano un ultraottantenne, seducendolo e facendogli credere di essere interessate ad avere un rapporto sessuale con lui.

L’uomo, ammaliato dalle due giovani, cede  alle loro lusinghe, si apparta  nella sua autovettura con una di loro, ma la ragazza ne approfitta  per prendergli il portafoglio dal quale senza farsi vedere tira fuori denaro contante e due tessere bancomat.

L’anziano conservava insieme ai bancomat anche il codice pin necessario per i prelievi allo sportello.
Il truffato in un momento di lucidità si è accorto dell’inganno ed ha allontanato la ragazza facendola scendere dall’automobile, ma ormai è troppo tardi: poco dopo, allo sportello bancomat del centro commerciale, riunitesi, le due ragazze eseguivano un prelievo di 500 euro dal conto corrente dell’ignaro anziano.

I Carabinieri di Sansepolcro  avvisati da alcuni cittadini, che avevano notato i movimenti sospetti delle due donne davanti all’ATM, fornendo anche la loro descrizione.

Immediatamente intervenute due pattuglie, gli equipaggi che non sapevano ancora con certezza cosa fosse accaduto poco prima, le hanno individuate e eguite per capire quali fossero le loro intenzioni.
Quando hanno visto che maneggiavano delle tessere bancomat hanno deciso di raccogliere prove e le hanno filmate col cellulare, arrivando a riprendere il momento in cui prelevavano altro denaro.
Dallo sportello automatico è uscita una gran quantità di banconote, tanto da confermare i sospetti e le hanno fermate chiedendo loro spiegazioni.

Evidentemente agitate, le due donne non sanno cosa rispondere, così come non hanno saputo spiegare cosa ci facessero nelle loro mani delle tessere bancomat non intestate a loro.
Così sono scattati gli accertamenti che hanno fatto emergere tutti gli altri elementi, ricostruendo l’intera vicenda e inchiodando le due donne alle loro responsabilità.

Nello stesso tempo, altri Carabinieri erano intervenuti dirigendosi sul terzo uomo, che le aspettava in macchina.
La stessa autovettura che i Carabinieri avevano già notato girare per le strade biturgensi e che era in zona anche in occasione di altri episodi analoghi.
I sospetti sono stati confermati: all’interno l’uomo stava aspettando proprio le due ragazze, pronto per la fuga che sarebbe avvenuta subito dopo, ma veniva fermato, perquisito ed arrestato dai Carabinieri.

Tutti e tre dovranno rispondere, in concorso tra loro, di furto e indebito utilizzo di carte di credito. Nel frattempo gli veniva sequestrato anche molto altro denaro, circa 1000 euro, che avevano con sé e del quale non hanno saputo dare alcuna spiegazione circa la provenienza, non svolgendo alcuna attività lavorativa.

Redazione
L’obiettivo de L’Ortica è quello di creare un luogo dove l’informazione non si confonda con i numerosi altri siti di notizie generaliste ma attraverso una satira di qualità ed una provocazione intelligente riesca a creare nel pubblico l’interesse costante a visitarla ed a partecipare anche attivamente. Ad una informazione precisa sugli avvenimenti locali si aggiunge quindi una stimolazione continua alla lettura degli articoli che diventano un passaggio quasi obbligato non solo per i soggetti, pubblici e non, che risultano protagonisti dei pezzi pubblicati ma anche per una larga fetta di pubblico che, stanca di una informazione paludata, ricerca una valida alternativa che la rappresenti in modo intelligente e dinamico.

LASCIA UNA RISPOSTA