Denunciato molestatore trentenne

Valdarno aretino: deferito in stato di libertà un uomo di circa 30 anni indiziato di svariati episodi di molestie a sfondo sessuale

I Carabinieri della Compagnia di San Giovanni Valdarno hanno portato a termine un’indagine che ha consentito di identificare e deferire in stato di libertà un uomo di circa 30 anni indiziato di svariati episodi di molestie a sfondo sessuale perpetrati in diverse località del Valdarno aretino.
L’attività investigativa è scaturita dalla segnalazione di un episodio perpetrato a Montevarchi, nella prima metà di giugno.

Quando la Centrale Operativa della Compagnia Carabinieri di San Giovanni Valdarno aveva ricevuto la chiamata, erano da poco passate le 8 del mattino. Dall’altra parte del telefono c’era una donna, ancora in stato di comprensibile agitazione, che asseriva di essere stata approcciata, in P.za Garibaldi a Montevarchi, da un giovane sconosciuto, che l’aveva molestata.

Immediatamente, viene inviata sul posto la pattuglia dell’Aliquota Radiomobile, che in pochi istanti giunge sul luogo della segnalazione, dove un giovane, con un banale pretesto, si era avvicinato alla donna e le aveva mostrato il proprio cellulare, sul cui display era in quel momento in fase di riproduzione un video hard.
poi si era velocemente dileguato, facendo perdere le proprie tracce.

Nel corso dei consequenziali accertamenti compiuti dai Carabinieri, gli stessi appuravano che apparentemente quello denunciato non era un episodio isolato, ma che anzi ve ne erano stati diversi altri nei mesi precedenti.

Nel volgere di poche settimane, i Carabinieri del NORM della Compagnia di San Giovanni Valdarno hanno infine identificato e deferito alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Arezzo un giovane, di circa 30 anni, valdarnese, ritenuto responsabile di numerose molestie – e in un caso anche di minaccia – in danno di donne che, da sole, si trovavano in parchi cittadini, centri commerciale o vicoli del centro.

Il molestatore, in sostanza, ripetendo sistematicamente le stesse modalità di approccio, richiamava l’attenzione delle vittime, chiedendo un’informazione generica (in diversi casi, la richiesta verteva su informazioni concernenti una palestra, o lo svolgimento di arti marziali).
Poi, dopo la risposta, con ripetute insistenza poneva di fronte al viso delle parti offese smartphone che riproduceva un filmato dal contenuto pornografico, invitandole infine, in alcuni casi, a replicare quanto visionato.

In due circostanze, il “molestare”, dopo averle individuate per strada, ha seguito le vittime sino al domicilio, fermandole, con le stesse modalità, una volta nell’androne condominiale, ed un’altra occasione bussando alla porta di casa, per poi formulare le stesse richieste.

L’Autorità Giudiziaria, condividendo le risultanze investigative degli uomini dell’Arma, ha emesso il decreto, cui è stata data tempestiva esecuzione.
Nel corso dell’attività di ricerca della prova, è stato sequestrato lo smartphone dell’indagato, sul quale verranno ora compiuti tutti gli accertamenti finalizzati a rinvenire ulteriori elementi di prova, soprattutto con riguardo ai contenuti multimediali.
Gli esiti sono attesi per i prossimi mesi.

Redazione
L’obiettivo de L’Ortica è quello di creare un luogo dove l’informazione non si confonda con i numerosi altri siti di notizie generaliste ma attraverso una satira di qualità ed una provocazione intelligente riesca a creare nel pubblico l’interesse costante a visitarla ed a partecipare anche attivamente. Ad una informazione precisa sugli avvenimenti locali si aggiunge quindi una stimolazione continua alla lettura degli articoli che diventano un passaggio quasi obbligato non solo per i soggetti, pubblici e non, che risultano protagonisti dei pezzi pubblicati ma anche per una larga fetta di pubblico che, stanca di una informazione paludata, ricerca una valida alternativa che la rappresenti in modo intelligente e dinamico.

LASCIA UNA RISPOSTA