Frida Kahlo accende l’estate di Sansepolcro

“FRIDA KAHLO, Una vita per immagini”: è la mostra promossa dal Comune di Sansepolcro e organizzata da ’Civita Mostre e Musei’ e ’Diffusione Italia International Group’ e sarà aperta al pubblico, nel Museo Civico di Sansepolcro, dal 16 maggio al 13 ottobre 2021.

Le fotografie realizzate durante l’infanzia e la giovinezza dell’artista, dal padre Guillermo da alcuni dei più grandi artisti contemporanei a Frida: Leo Matiz, Imogen Cunninghan, Edward Weston, Lucienne Bloch, Bernard Silbertein, Manuel e Lola Alvarez Bravo, Nickolas Muray e altri ancora.
Una vita per immagini ripercorre, attraverso un centinaio di scatti, la storia della vita controcorrente della grande artista messicana.

Guillermo, il padre, è un fotografo di professione di origine tedesca, giunto in Messico nel 1891 e ben presto innamoratosi del paese.
Frida cresce nel mito di un Messico rivoluzionario, una personalità libera che  si racconta nella pittura.

La mostra è dedicata al personaggio Frida Kahlo, raccontato con oltre 100 scatti, realizzati da alcuni dei più grandi fotografi del suo tempo.
Poco prima di morire aveva scritto nel diario: “spero che l’uscita sia gioiosa e spero di non tornare mai più”. Frida è invece tornata tra noi, diventando un simbolo emblematico del femminismo e del multiculturalismo”.

 

Gli orari del Museo Civico e della mostra su Frida Kahlo saranno i seguenti: giovedì, venerdì, sabato e domenica 10-13,30 e 14,30 -19. Per l’ingresso al Museo, il sabato e la domenica è obbligatoria la prenotazione allo 0575 732283.

Redazione
L’obiettivo de L’Ortica è quello di creare un luogo dove l’informazione non si confonda con i numerosi altri siti di notizie generaliste ma attraverso una satira di qualità ed una provocazione intelligente riesca a creare nel pubblico l’interesse costante a visitarla ed a partecipare anche attivamente. Ad una informazione precisa sugli avvenimenti locali si aggiunge quindi una stimolazione continua alla lettura degli articoli che diventano un passaggio quasi obbligato non solo per i soggetti, pubblici e non, che risultano protagonisti dei pezzi pubblicati ma anche per una larga fetta di pubblico che, stanca di una informazione paludata, ricerca una valida alternativa che la rappresenti in modo intelligente e dinamico.

LASCIA UNA RISPOSTA