Arezzo – Volontari cercasi per esercitazioni one to one

Da Lorenzo Zanoni

 Tutti sanno che l’integrazione e la multiculturalità fanno ormai parte della nostra vita quotidiana, ma forse non tutti sanno come le Autorità cittadine si stiano attivando per facilitare il contatto inter-culturale.

Da qualche settimana infatti, ogni sera dalle 21 in poi, davanti al complesso scolastico Margaritone (per intenderci, quello posto alle spalle del Parco Giotto) numerose signorine di chiara (pardon: scura) origine extra-comunitaria fanno la fila per partecipare (si presume) ai corsi serali di integrazione culturale, promossi (si presume) dalle nostre Autorità.

Dico “si presume” perché il valore educazionale del luogo e l’immagine della quale godono gli annessi istituti scolastici presso gli aretini, mi impediscono di pensare che le suddette signorine siano colà convenute per altri scopi (notoriamente perseguiti in altri luoghi della nostra città). Se così fosse infatti, le nostre Autorità sarebbero tempestivamente intervenute a protezione di un luogo che, tra un mese, tornerà a riempirsi di ragazzi dai 4 ai 14 anni.

Peraltro, circolano voci secondo le quali, a causa della cronica penuria di fondi della quale soffre il sistema scolastico pubblico, siano ben accetti volontari (preferibilmente di sesso maschile) in grado di svolgere esercitazioni pratiche di integrazione “one to one” all’aperto.

Tali esercitazioni dovrebbero tenersi (si presume) nel parcheggio della scuola, ad ulteriore riconoscimento del valore educazionale di quell’istituto scolastico. Non si preoccupino, gli aspiranti volontari, per la scarsità di illuminazione del luogo: siamo certi che le nostre Autorità presto interverranno per porre rimedio anche a questo trascurabile disagio.

 

Redazione
L’obiettivo de L’Ortica è quello di creare un luogo dove l’informazione non si confonda con i numerosi altri siti di notizie generaliste ma attraverso una satira di qualità ed una provocazione intelligente riesca a creare nel pubblico l’interesse costante a visitarla ed a partecipare anche attivamente. Ad una informazione precisa sugli avvenimenti locali si aggiunge quindi una stimolazione continua alla lettura degli articoli che diventano un passaggio quasi obbligato non solo per i soggetti, pubblici e non, che risultano protagonisti dei pezzi pubblicati ma anche per una larga fetta di pubblico che, stanca di una informazione paludata, ricerca una valida alternativa che la rappresenti in modo intelligente e dinamico.

LASCIA UNA RISPOSTA