Cantieri edili: controlli e le verifiche dei militari dell’Arma, una denuncia e multe

Due cantieri controllati dai Carabinieri ad Arezzo e Sansepolcro.
Negli ultimi giorni altri controlli sulla sicurezza e la legalità nei luoghi di lavoro da parte dei militari del Comando Provinciale Carabinieri di Arezzo.

Le attività ispettive hanno come sempre un duplice scopo, la prevenzione degli infortuni professionali ed il rispetto delle molteplici normative in materia di lavoro e di ambiente.

I militari dell’Arma locale hanno collaborato per diverse ore con quelli delle specialità, quali Gruppo Forestale e Nucleo Ispettorato del Lavoro.

Ad Arezzo, in un cantiere di edilizia residenziale della periferia della città denunciato in stato di libertà per presunte irregolarità l’amministratore di una ditta edile, ritenuta responsabile di una serie di violazioni: per non aver fornito ai lavoratori idonei dispositivi di protezione individuale contro le cadute dall’alto, per non aver tenuto in cantiere e non aver esibito, su richiesta, agli organi di vigilanza il pi.m.u.s.. a carico della citata società veniva disposto il provvedimento di sospensione dell’attività e comminate sanzioni pecuniarie per complessivi 1.500 euro.

A Sansepolcro, in un cantiere per la ristrutturazione di un manufatto pubblico, violazioni più lievi a carico dell’amministratore della ditta appaltatrice, che dovrà giustificare il fatto di non aver messo a disposizione dei lavoratori idonei servizi igienici.
Elevate ammende per circa euro 600.

In tutta la provincia di Arezzo proseguiranno i controlli e le verifiche dei militari dell’Arma.

Redazione
L’obiettivo de L’Ortica è quello di creare un luogo dove l’informazione non si confonda con i numerosi altri siti di notizie generaliste ma attraverso una satira di qualità ed una provocazione intelligente riesca a creare nel pubblico l’interesse costante a visitarla ed a partecipare anche attivamente. Ad una informazione precisa sugli avvenimenti locali si aggiunge quindi una stimolazione continua alla lettura degli articoli che diventano un passaggio quasi obbligato non solo per i soggetti, pubblici e non, che risultano protagonisti dei pezzi pubblicati ma anche per una larga fetta di pubblico che, stanca di una informazione paludata, ricerca una valida alternativa che la rappresenti in modo intelligente e dinamico.

LASCIA UNA RISPOSTA