Trovate 5 fiale etichettate “vaiolo”, indaga l’’Fbi

L’Fbi sta analizzando 15 fiale scoperte in un laboratorio farmaceutico della Merck di Filadelfia martedì sera, perché 5 di queste erano etichettate come “vaiolo”, mentre 10 come “vaccino”. A trovarle è stato un tecnico di laboratorio intento a pulire un congelatore.

Il vaiolo, è stato debellato grazie a una campagna di vaccinazione di massa nel 1980 dopo aver ucciso 300 milioni di persone nel mondo nel XX secolo.
Il virus è considerato così pericoloso che i campioni dovrebbe essere conservati solo in due laboratori nel mondo: la sede dei Centers for Disease Control di Atlanta, negli Stati Uniti, e il Vector Institute a Koltsovo, in Russia.

Per questo sia Fbi che Cdc stanno indagando sulla scoperta. Non è noto come le fiale siano finite presso lo stabilimento Merck nella contea di Montgomery, in Pennsylvania, o se contengano davvero il virus. Le fiale sono state immediatamente messe in sicurezza.

«Merck sta cercando di capire perché fossero lì», ha detto mercoledì una fonte a NBC10. «Non vi è alcuna indicazione che qualcuno sia stato esposto al piccolo numero di fiale congelate», ha detto a Yahoo un portavoce del CDC.

«Le fiale congelate etichettate come ‘vaiolo’ sono state scoperte casualmente da un operaio di laboratorio mentre puliva un congelatore in una struttura che conduce ricerche sui vaccini in Pennsylvania».
La scoperta è avvenuta presso la struttura Merck Upper Gwynedd nel Galles del Nord, a circa 30 miglia a nord-ovest di Filadelfia, secondo WCAU.

«CDC, i suoi partner amministrativi e le forze dell’ordine stanno indagando sulla questione e il contenuto delle fiale sembra intatto. L’operatore di laboratorio che ha scoperto le fiale indossava guanti e una maschera facciale. Forniremo ulteriori dettagli non appena disponibili», ha affermato il portavoce.

Redazione
L’obiettivo de L’Ortica è quello di creare un luogo dove l’informazione non si confonda con i numerosi altri siti di notizie generaliste ma attraverso una satira di qualità ed una provocazione intelligente riesca a creare nel pubblico l’interesse costante a visitarla ed a partecipare anche attivamente. Ad una informazione precisa sugli avvenimenti locali si aggiunge quindi una stimolazione continua alla lettura degli articoli che diventano un passaggio quasi obbligato non solo per i soggetti, pubblici e non, che risultano protagonisti dei pezzi pubblicati ma anche per una larga fetta di pubblico che, stanca di una informazione paludata, ricerca una valida alternativa che la rappresenti in modo intelligente e dinamico.

LASCIA UNA RISPOSTA