Ecco DogPhone, la palla hi-tech per i che permette di chiamare i proprietari

Ilyena Hirskyj-Douglas

I ricercatori dell’università di Galsgow hanno inventato un dispositivo che consente ai cani di videochiamarei loro proprietari.

Il dispositivo,soprannominato DogPhone, è una palla morbiba che, quando viene spostata, invia un segnale a un laptop che avvia una videochiamata.
Il proprietario può scegliere se rispondere alla videochiamata e quando riagganciare, e può a sua volta telefonare al cane, che per rispondere però deve muovere la palla.

«Tutta questa tecnologia permette alle persone di misurare i passi dei propri animali, dargli cibo a distanza, ma il cane non ha scelte» ha detto la dottoresaa Ilyena Hirskyj-Douglas, dell’Università di Glasgow, primo autore della ricerca.
E ha aggiunto che dare agli animali la scelta e il controllo è il modo migliore per aumentare il loro benessere.

Ha spiegato che il DogPhone considera sia il proprietario che il cane, e dà a quest’ultimo un senso di libertà.
«Questo è solo un modo per dimostrare che i cani possono controllare la tecnologia.
E possiamo costruire tecnologia per i cani».

Il DogPhone è stato testato con una serie di interazioni per fare in modo che avesse il giusto livello di sensibilità al movimento: sono state testate per 16 giorni da Hirskyj-Douglas e dal suo labrador nero di nove anni, Zack.

Nel diario in cui ha descritto in dettaglio le chiamate tra il proprietario e l’animale, l’impressione è che non sempre il cane sapesse cosa stava facendo, nonostante gli fosse stato mostrato cinque volte come funzionava il sistema.

Il team afferma che molte delle chiamate fatte da Zack, che è stato lasciato solo per circa otto ore durante i giorni di test, sembrano essere stati incidenti, anche se avvertono che potrebbe essere semplicemente la prospettiva umana.

Hirskyj-Douglas ha affermato che la tecnologia potrebbe portare benefici agli animali domestici, in particolare ai cani che soffrono quando sono separati dai loro proprietari, anche se ha ammesso che il dispositivo le ha effettivamente causato un po’ di ansia.

«È solo dare a un cane una scelta», ha detto. «Potremmo non capire la scelta che stanno facendo.
Ma questo non significa che non dovrebbero avere scelta».

Redazione
L’obiettivo de L’Ortica è quello di creare un luogo dove l’informazione non si confonda con i numerosi altri siti di notizie generaliste ma attraverso una satira di qualità ed una provocazione intelligente riesca a creare nel pubblico l’interesse costante a visitarla ed a partecipare anche attivamente. Ad una informazione precisa sugli avvenimenti locali si aggiunge quindi una stimolazione continua alla lettura degli articoli che diventano un passaggio quasi obbligato non solo per i soggetti, pubblici e non, che risultano protagonisti dei pezzi pubblicati ma anche per una larga fetta di pubblico che, stanca di una informazione paludata, ricerca una valida alternativa che la rappresenti in modo intelligente e dinamico.

LASCIA UNA RISPOSTA