I britannici pensano che il vino sia migliore se ha un castello sull’etichetta

Lo rivela una ricerca, ibritannici sono ingannati nel pensare che il vino sia migliore se ha un castello sull’etichetta.

In un recente  studio i consumatori hanno classificato una bottiglia da 7 sterline di Errazuriz Estate Pinot Noir, venduta da Waitrose, con l’immagine di un castello, come migliore di una bottiglia da 95 sterline di Clos Apalta 2013, venduta dal sito web Vivino, con un’etichetta semplice .

Lo studio congiunto dell’Università di Oxford e del colosso dei supermercati Aldi ha coinvolto la degustazione di vini da 53 consumatori e un sondaggio online di oltre 2.000, i quali hanno anche preferito una bottiglia di vino da 6, sterline e49 a una che ne costava   36,99 durante un test di assaggio.

Durante il test alla cieca, in cui i vini sono stati annusati, degustati e valutati, la bottiglia di da 6,49 di Aldi Australian Cabernet Sauvignon ha ottenuto sette su dieci, ma il Majestic Escarpment ‘Pahi’ Pinot Noir da36,99 ne ha ottenuti solo cinque.

Lo studio ha scoperto che è più probabile che l’immagine di un castello sull’etichetta convinca gli acquirenti che il vino è di qualità superiore, insieme a una bottiglia più pesante.

I consumatori hanno anche affermato che pagherebbero quasi il 40% in più per il vino da una bottiglia pesante rispetto a una leggera, inoltre il 25% credeva che la bottiglia con un tappo di sughero invece  che con un tappo a vite indicasse vino di alta qualità.

Julie Ashfield, di Aldi UK, dice:  gli acquirenti “non dovrebbero mai giudicare una bottiglia di vino dal suo prezzo”.

Redazione
L’obiettivo de L’Ortica è quello di creare un luogo dove l’informazione non si confonda con i numerosi altri siti di notizie generaliste ma attraverso una satira di qualità ed una provocazione intelligente riesca a creare nel pubblico l’interesse costante a visitarla ed a partecipare anche attivamente. Ad una informazione precisa sugli avvenimenti locali si aggiunge quindi una stimolazione continua alla lettura degli articoli che diventano un passaggio quasi obbligato non solo per i soggetti, pubblici e non, che risultano protagonisti dei pezzi pubblicati ma anche per una larga fetta di pubblico che, stanca di una informazione paludata, ricerca una valida alternativa che la rappresenti in modo intelligente e dinamico.

LASCIA UNA RISPOSTA