Per evitare la censura social apre “Vienna Laid Bare”

Due musei di Vienna sono stati banditi sui social media per opere osé, si sono rivolti a OnlyFans per i loro soggetti per adulti.

L’iniziativa si chiama “Vienna Laid Bare” ed è stata lanciata dall’ente del turismo di Vienna alla fine della scorsa settimana insieme all’account di OnlyFans.
Al momento chi si abbona può ricevere in omaggio una Vienna City Card o un biglietto per uno dei musei presenti nell’account.

Helena Hartlauer, portavoce dell’Ente per il turismo di Vienna, ha detto a Motherboard che l’iniziativa è stata lanciata dopo che gli account dei musei sono stati sospesi per via delle foto di opere d’arte di nudo.
A luglio, l’account TikTok del Museo Albertina di Vienna è stato bandito per aver pubblicato fotografie dell’artista giapponese Nobuyoshi Araki raffiguranti seni oscurati.

Redazione
L’obiettivo de L’Ortica è quello di creare un luogo dove l’informazione non si confonda con i numerosi altri siti di notizie generaliste ma attraverso una satira di qualità ed una provocazione intelligente riesca a creare nel pubblico l’interesse costante a visitarla ed a partecipare anche attivamente. Ad una informazione precisa sugli avvenimenti locali si aggiunge quindi una stimolazione continua alla lettura degli articoli che diventano un passaggio quasi obbligato non solo per i soggetti, pubblici e non, che risultano protagonisti dei pezzi pubblicati ma anche per una larga fetta di pubblico che, stanca di una informazione paludata, ricerca una valida alternativa che la rappresenti in modo intelligente e dinamico.

LASCIA UNA RISPOSTA