La Corea del Sud ha installato led interrati per tenere al sicuro gli ‘smombies’

“Smombies” sono persone che con gli occhi sui loro smartphone che camminano in città come “zombi”.

La Corea del Sud ha escogitato una bizzarra invenzione che consente ai suoi residenti di continuare a fissare il telefono mentre attraversano la strada nel modo più sicuro possibile, ma non tutti sono convinti dell’idea.

@naturalkorean##seoul ##korea ##southkorea ##bts ##army

♬ Butter – 방탄소년단 (BTS)

Il video pubblicato dall’utente naturalkorean mostra gruppi di persone nella capitale della nazione coniati “smombies” – o “zombi ossessionati dallo smartphone” – che attraversano una strada trafficata senza nemmeno alzare lo sguardo dalle loro mani.

I “semafori a LED interrati” sono stati installati a Seoul nel 2019 come prova, ma la città li ha da subito impiegati.

Nel marzo 2019 il governo sudcoreano ha anche implementato un sistema di allerta che invia una notifica ai telefoni se gli escursionisti stanno per entrare nel traffico.

“Un numero crescente di incidenti con smombie si è verificato negli attraversamenti pedonali, quindi queste luci zombi sono essenziali per prevenire questi incidenti pedonali”, ha detto a E&T il ricercatore senior del Korea Institute of Civil Engineering and Building Technology Kim Jong-hoon .

“La Corea del Sud ha lampioni sul pavimento in modo da poter continuare a fissare il telefono”, è stato intitolato l’ultimo video di TikTok.

La strana invenzione ha diviso Internet, con alcuni che sostengono che sia una grande idea mentre altri sostengono che stia solo incoraggiando una dipendenza dal telefono.

Redazione
L’obiettivo de L’Ortica è quello di creare un luogo dove l’informazione non si confonda con i numerosi altri siti di notizie generaliste ma attraverso una satira di qualità ed una provocazione intelligente riesca a creare nel pubblico l’interesse costante a visitarla ed a partecipare anche attivamente. Ad una informazione precisa sugli avvenimenti locali si aggiunge quindi una stimolazione continua alla lettura degli articoli che diventano un passaggio quasi obbligato non solo per i soggetti, pubblici e non, che risultano protagonisti dei pezzi pubblicati ma anche per una larga fetta di pubblico che, stanca di una informazione paludata, ricerca una valida alternativa che la rappresenti in modo intelligente e dinamico.

LASCIA UNA RISPOSTA