Alce viveva da due anni con un pneumatico incastrato al collo

  Foto per gentile concessione di Colorado Parks and Wildlife

Gli ufficiali della fauna selvatica in Colorado sono finalmente riusciti a liberare un alce maschio che ha vissuto con un  pneumatico al collo per due anni prima che i due ufficiali Scott Murdoch e Dawson Swanson, lo liberassero, hanno tranquillizzato   l’animale e hanno tagliato le sue corna in modo che il pneumatico potesse essere sollevato dalla testa dell’alce.

“È stato difficile rimuoverlo”, ha detto Murdoch in un comunicato stampa della CPW .
“Non è stato sicuramente facile, abbiamo dovuto spostarlo nel modo giusto per toglierlo perché non siamo riusciti a tagliare l’acciaio nel tallone del pneumatico.
Fortunatamente, il collo dell’animale aveva ancora un po’ di spazio per muoversi”.

Murdoch ha detto che è stata presa la decisione di tagliare le corna dell’alce quando gli ufficiali hanno scoperto che non sarebbero stati in grado di tagliare le gomme.

“Avremmo preferito tagliare la gomma e lasciare le corna per la sua attività in calore, ma la situazione non lo ha permesso e dovevamo semplicemente smontare la gomma in ogni modo possibile”.

Lo staff del Colorado Parks and Wildlife, negli Stati Uniti, lo aveva già avvistato più volte, al quarto tentativo di cattura della settimana, sabato scorso, quando ormai le sue corna erano cresciute a tal punto da rendergli impossibile disfarsi del pesante ingombro.

Ora sono16 i chili che non graveranno più sull’animale, corna comprese.

Redazione
L’obiettivo de L’Ortica è quello di creare un luogo dove l’informazione non si confonda con i numerosi altri siti di notizie generaliste ma attraverso una satira di qualità ed una provocazione intelligente riesca a creare nel pubblico l’interesse costante a visitarla ed a partecipare anche attivamente. Ad una informazione precisa sugli avvenimenti locali si aggiunge quindi una stimolazione continua alla lettura degli articoli che diventano un passaggio quasi obbligato non solo per i soggetti, pubblici e non, che risultano protagonisti dei pezzi pubblicati ma anche per una larga fetta di pubblico che, stanca di una informazione paludata, ricerca una valida alternativa che la rappresenti in modo intelligente e dinamico.

LASCIA UNA RISPOSTA