Aveva vinto 31 milioni di euro alla lotteria, è stata trovata morta, forse suicida

Era stata la fortunata vincitrice di un jackpot da 27 milioni di sterline, ma aveva sempre detto che questa fortuna le avevo rovinato la vita. Margaret Loughrey, 56 anni,  è stata trovata morta dalla polizia nella sua casa a Belfast, si ipotizza il suicidio.

Secondo quanto riportato dal Daily Mail, “Maggie Millions” così chiamata per il jackpot a EuroMillions otto anni fa, aveva più volte ammesso che la vincita aveva «distrutto la sua vita».
La dea bendata l’aveva baciata quando ha comprato il biglietto che le ha fatto vincere l’enorme somma di denaro. Maggie stava tornando a casa dall’Agenzia di collocamento, viveva con un sussidio di sole 58 sterline a settimana, poco più di 61 euro.

 

Dopo la vincita ha regalato 1 milione di sterline (circa 1 milione e 160mila euro) a ciascun familiare. Ha donato una considerevole fetta della somma in beneficenza e alla città di Strabane affinché venisse trasformata in una mèta turistica.

Ha investito il denaro in un piccolo impero immobiliare, tra cui un bungalow, un pub e un ex mulino convertito in un centro ricreativo. Ma quattro mesi dopo la vincita e anche in seguito ha così definito la vita da da multimilionaria: «Se esiste l’inferno ci sono stata. Il denaro mi ha portato solo dolore. Ha distrutto la mia vita».

Loughrey aveva affermato che le persone le avevano “rubato milioni” e aggiunto: «Mi dispiace di aver vinto alla lotteria. Prima ero una persona felice». Di recente aveva detto che le erano rimasti solo 5 milioni di sterline.

Paul Gallagher, vicino e consigliere locale ha rivelato che poco prima di morire Meggie aveva trasformato un fienile nella casa dei suoi sogni.

Aveva acquistato Herdman’s Mill a Sion Mills nel 2014, ma era stata presa di mira da incendi e atti di vandalismo.

Nel 2015 a Loughrey era stato ordinato di fare 150 ore di servizio alla comunità dopo essere stata condannata per aver aggredito un tassista.

Nel 2018 fu condannata a pagare 30.000 sterline a un ex dipendente che aveva maltrattato, deriso per la fede religiosa e poi licenziato.

Redazione
L’obiettivo de L’Ortica è quello di creare un luogo dove l’informazione non si confonda con i numerosi altri siti di notizie generaliste ma attraverso una satira di qualità ed una provocazione intelligente riesca a creare nel pubblico l’interesse costante a visitarla ed a partecipare anche attivamente. Ad una informazione precisa sugli avvenimenti locali si aggiunge quindi una stimolazione continua alla lettura degli articoli che diventano un passaggio quasi obbligato non solo per i soggetti, pubblici e non, che risultano protagonisti dei pezzi pubblicati ma anche per una larga fetta di pubblico che, stanca di una informazione paludata, ricerca una valida alternativa che la rappresenti in modo intelligente e dinamico.

LASCIA UNA RISPOSTA