Giostra del Saracino: definite in Prefettura tutte le misure di safety e security oltre alla normativa Covid-19

ll Prefetto di Arezzo, Maddalena De Luca, nella mattinata odierna ha presieduto una seduta del Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica dedicata all’esame della cornice di sicurezza da definire in occasione dell’edizione della Giostra del Saracino che si terrà in questo capoluogo il prossimo 5 settembre.

Presenti all’incontro, i vertici provinciali delle Forze dell’ordine e del Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco, il Sindaco del Comune di Arezzo accompagnato dal Comandante della Polizia Locale e dai funzionari dell’Amministrazione Comunale, il Comandante della Polizia Provinciale, i Rettori dei Quartieri, il Maestro di Campo, Il Primo Magistrato ed i rappresentanti del Servizio 118 della ASL.

La riunione ha costituito l’occasione per l’esame e la definizione di tutte le misure di safety e security oltre alla normativa Covid-19, affinché l’evento – cosi tanto atteso dalla città  – si svolga in una cornice di massima sicurezza sia sotto il profilo dell’ordine e della sicurezza pubblica che della salvaguardia della salute dei partecipanti ai fini del contenimento e del contrasto della diffusione dei contagi.

In particolare sarà consentito l’ingresso esclusivamente ai titolari di prenotazione del posto a sedere e del green pass o del tampone effettuato entro le 48 ore precedenti con esito negativo.

E’ stata messa a punto, inoltre, la dislocazione di 4 tribune che saranno collocate anche negli spazi che negli altri anni erano previsti per gli spettatori in piedi, garantendo in questo modo la massima presenza possibile di posti a sedere, essendo esclusi posti in piedi anche per i figuranti.

Sono state individuate le vie di fuga in caso di emergenza ed è stato predisposto il meccanismo dei servizi di sicurezza antincendio e sanitario.

Per quanto riguarda il corteo che precede la gara cavalleresca si svolgerà lungo le vie del centro cittadino secondo un itinerario ampliato allo scopo di consentire la visione quanto più possibile ampia da parte del pubblico fermo restando per esigenze di sicurezza e per assicurare il distanziamento fisico alcune zone, come Corso Italia, saranno chiuse al pubblico.

Il Prefetto ha espresso l’auspicio ed il convincimento dell’impegno e della grande responsabilità che  da parte dei Quartieri  verrà messa in atto affinché l’evento si svolga in sicurezza in un clima di lealtà e correttezza e di rispetto delle regole.

 

Contestualmente alla Giostra si terrà anche la Fiera Antiquaria che, per l’occasione abbandonerà la tradizionale collocazione nelle vie cittadine per trasferirsi nella parte alta della città nella zona ricompresa tra il Duomo e la Fortezza Medicea.

Il Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica alla presenza dei Sindaci interessati si è altresì occupato della verifica dei dispositivi di sicurezza della Festa del Santo Patrono di Arezzo, nonché della Festa del Perdono di Terranuova Bracciolini in programma dal 24 al 28 settembre 2021 nella cittadina valdarnese anch’essa con un forte richiamo di pubblico.

Ufficio Stampa
Comunicati stampa Amministrazioni, Associazioni, Politici di Arezzo e provincia

LASCIA UNA RISPOSTA