Agricoltore sposta il confine franco-belga all’interno del territorio francese

Un agricoltore belga ha spostato il confine francese di oltre due metri rimuovendo inconsapevolmente una lapide storica che ostacolava il suo trattore.

La demarcazione del confine alterata è stata scoperta da un appassionato di storia locale, durante un’escursione.
I sindaci delle due città di confine hanno visto entrambi il lato divertente dell’incidente.
La pietra è posizionata tra il villaggio di confine belga di Erquelinnes e Bousignies-sur-Roc, un comune nel dipartimento nord della Francia.

La pietra era li dal 1819, quando fu tracciata per la prima volta la linea di confine, istituito con il trattato di Kortrijk, firmato nel 1820, cinque anni dopo la sconfitta di Napoleone a Waterloo.
Il sindaco di Erquelinnes parlando al canale televisivo locale TF1, ha detto: “Ero felice, ha reso il Belgio più grande e la Francia più piccola, non è una buona idea”.

Nel frattempo anche il sindaco del vicino villaggio francese, Aurélie Welonek, ha dichiarato ai media locali: “dovremmo essere in grado di evitare una nuova guerra di confine”.

Redazione
L’obiettivo de L’Ortica è quello di creare un luogo dove l’informazione non si confonda con i numerosi altri siti di notizie generaliste ma attraverso una satira di qualità ed una provocazione intelligente riesca a creare nel pubblico l’interesse costante a visitarla ed a partecipare anche attivamente. Ad una informazione precisa sugli avvenimenti locali si aggiunge quindi una stimolazione continua alla lettura degli articoli che diventano un passaggio quasi obbligato non solo per i soggetti, pubblici e non, che risultano protagonisti dei pezzi pubblicati ma anche per una larga fetta di pubblico che, stanca di una informazione paludata, ricerca una valida alternativa che la rappresenti in modo intelligente e dinamico.

LASCIA UNA RISPOSTA