Weekend di mercati natalizi, fiere, mostre e concerti, cosa fare, dove andare

AR/MONTE S.SAVINO FIERA DI S.CATERINA E DELLO SCALDINO COL FISCHIO

Mostre e concerti

Arezzo: domenica 24 novembre alle 17,30, presso il Convitto, la musica da camera di Oida recital pianistico, Andrea Turini al pianoforte con Bach.

Arezzo: chiesa di San Michele Venerdì 22 novembre, alle 21.00, “Narrabo”, una serata di gregoriano e polifonia.

Arezzo:  fino all’8 dicembre nella Sala Pieve del Museo della Fraternita dei Laici di Piazza Grande, “A chi sa attendere”, mostra di pittura di Giuliano Trombini

Arezzo: fino al 23 novembre, dal lunedì al sabato, in orario 14,30 – 19,30)  Casa dell’energia, “La vita come ricerca, la vita come arte, la vita come amore.

Arezzo: fino al 12 gennaio 2020, Rousseau, Severini, Savinio e Magritte a Casa Bruschi.

Arezzo: fino al 31 gennaio 2020, La civiltà contadina in mostra al San Donato (nella Hall)

Poppi: fino al 7 gennaio “Resistenza artistica”, cinque artisti in mostra al castello di Poppi.

Sagre fiere e mercatini

Arezzo: fino al 6 gennaio, i Mercatini di Natale da giovedì pomeriggio dalle 14.00 alle 21.00, venerdì 22, sabato 23 e domenica 24 dalle 10.00 alle 21.00.
Baita aperta fino alle 23.
www.mercatodinatalearezzo.it

Monte San Savino: 24 novembre, Fiera di Santa Caterina, o Fiera Grossa o Fiera dell’equino e dello scaldino col fischio.

Carda: (Castel Focognano) Festa della Castagna, l’apertura degli stand alle 12,00.

Montemignaio: Sabato 23 e domenica 24 novembre, Mostra Mercato Aspettando il Natale,

Chiusi della Verna: 24 novembre, 1, 8, 15, 22-23-24 dicembre, Mercatini di Natale.

Redazione
L’obiettivo de L’Ortica è quello di creare un luogo dove l’informazione non si confonda con i numerosi altri siti di notizie generaliste ma attraverso una satira di qualità ed una provocazione intelligente riesca a creare nel pubblico l’interesse costante a visitarla ed a partecipare anche attivamente. Ad una informazione precisa sugli avvenimenti locali si aggiunge quindi una stimolazione continua alla lettura degli articoli che diventano un passaggio quasi obbligato non solo per i soggetti, pubblici e non, che risultano protagonisti dei pezzi pubblicati ma anche per una larga fetta di pubblico che, stanca di una informazione paludata, ricerca una valida alternativa che la rappresenti in modo intelligente e dinamico.

LASCIA UNA RISPOSTA