L’assessore motosega ha annunciato un’altra strage di alberi

L’assessore motosega colpisce ancora.
Dopo aver abbattuto pini e platani in varie parti della città, dopo aver tagliato veri e propri monumenti come il platano delle poste (vecchio e malato, diceva) o il pino di via Veneto, creando imbarazzo all’omonimo bar che dovrà cambiare l’insegna, ora il boscaiolo seriale annuncia un’altra serie di abbattimenti nei giardini dei Porcinai (quello adiacente alla stazione) e zone limitrofe.
Fanno troppa ombra ai nulla- facenti che lì vi stazionano e poi assorbono troppo inquinamento che è meglio entri nei polmoni delle suddette persone.
E poi a che cazzo servono gli alberi?
Vanno gestiti, potati, curati e sono tutti costi.
Non importa se così si vedrà meglio quella vasca sempre sporca, priva di acqua, ma piena di residui solidi organici.

Però abbiamo scoperto che la motosega che viene utilizzata dal tagliatore seriale è abilitata solo ad abbattere gli alberi di alto fusto.
Perché se andate in varie parti della città, ma basta solo che facciate una passeggiata intorno alla fortezza, per vedere una folta vegetazione che costeggia le mura, erba, erba incolta, lasciata germogliare da tempo, forse per rendere più selvaggia la zona e dare un brivido in più ai turisti.

erba-fortezza-arezzo2O forse in previsione di un intervento che imiti quello della sindaca Raggi di Roma: pecore, pecore che risolvano il problema dell’erba alta.
In effetti abbiamo sentito nell’ultimo consiglio comunale molti belati.

Come quello dell’assessora caterpillar che ha lanciato un ultimatum bellicoso alle associazioni che gestivano la Casa delle culture, ora chiusa.
“Il gioco è bello quando dura poco” ha lanciato con il lanciafiamme l’assessora, indispettita per i comunicati che le associazioni che gestivano la struttura hanno avuto l’ardire di emettere.

Si, forse le pecore sono la soluzione ideale, non si noteranno nemmeno in una città agricola come Arezzo!

CONDIVIDI
PrecedenteGli elefanti hanno la memoria lunga
SuccessivoAretini incivili – la signora che parcheggia nel posto per i disabili
Luciano Petrai
Di professione “curioso”, ha attraversato negli anni ’80 le speranze ecologiste collaborando attivamente con gli Amici della Terra – Italia. Ha cavalcato le delusioni politiche e sociali attraverso una buona dose di auto-ironia e di sarcasmo. Attualmente fa parte della redazione del periodico “Essere” ed esprime note e lazzi in una frequentata pagina facebook ( che usa soprattutto per cuccare). Ed ora l’esperienza ne “L’ortica” per continuare a pungere divertendosi.

1 COMMENTO

  1. A cordiali espressioni di malaugurio, preferisco auspici di lunga vita; cosicché abbiano tempo
    di pentirsi dei propri misfatti.

LASCIA UNA RISPOSTA