Il sindaco pilota bollito e gli sterzi d’un tempo

Ghinelli, che da quando è sindaco di Arezzo ingrassa costantemente come faceva anche il suo predecessore Fanfani, si cimenterà nella Mille Miglia nel ruolo di pilota per un giorno.
Certo, ormai non si tratta più di una corsa epica tra automobili moderne, ma di una sfilata di auto d’epoca ben tenute pronte a deviare dal percorso classico ogni volta che si presenti l’occasione di incassare qualche denaro e farsi pubblicità.

Così avremo auto e piloti internazionali (spesso improvvisati) in piazza del Duomo e gli equipaggi sfileranno nel centro cittadino con le loro fuoriserie colorate e luccicanti.

Ghinelli quel giorno sarà della corsa, ma solo quel giorno.
Anzi, si è lamentato del fatto che gli sterzi dell’epoca non sono così “morbidi” come gli attuali.
E’ che con l’invecchiare e la permanenza a Palazzo Cavallo il nostro ex paracadutista sta invecchiando.
Ormai gli piace la passerella, ma meno lo sport…

Bollito!

CONDIVIDI
PrecedentePulizia a fondo
SuccessivoTu paghi perché sei povero
Pietro Aretino
« Qui giace l'Aretin, poeta Tosco, che d'ognun disse mal, fuorché di Cristo, scusandosi col dir: "Non lo conosco"! » (Ironica epigrafe indirizzata all'Aretino da Paolo Giovio[1]) È conosciuto principalmente per alcuni suoi scritti dal contenuto considerato quanto mai licenzioso (almeno per l'epoca), fra cui i conosciutissimi Sonetti lussuriosi. Scrisse anche i Dubbi amorosi e opere di contenuto religioso, tese a farlo apprezzare nell'ambiente cardinalizio che a lungo frequentò.

1 COMMENTO

  1. Questo Sindaco (ma anche i più diretti predecessori non erano da meno!), vederlo in Piazza Grande
    è fatto raro. In costume: ce lo vediamo per il Saracino, e ce lo vedremo adesso vestito da pilota!

LASCIA UNA RISPOSTA