E i nostri bambini dove li portiamo?

Se nello stesso giorno dello stesso fine settimana ad Arezzo ci sono Bimbinbici e il mercatino del Calcit, entrambe manifestazioni dedicate ai bambini e molto frequentate (giustamente), qualcuno ci spieghi dove dovremmo portare i nostri figli.

Mio figlio vorrebbe partecipare a entrambe le manifestazioni, ma in sostanza questo non è possibile.

Qualcuno mi sa spiegare perché le due cose si sovrappongono?
E non mi si venga a dire che Bimbinbici è una manifestazione che si tiene in tutta Italia e il mercatino del Calcit no.

Basterebbe spostare di una settimana quest’ultimo o stabilire che ad Arezzo Bimbinbici si svolge una settimana più tardi e tutto sarebbe risolto nell’interesse di chi organizza, oltre che dei bambini aretini.

Comunque appuntamento a domenica.
Ci vediamo con mezzo figlio a Bimbinbici e con l’altra metà al mercatino del Calcit.
Complimentoni!

CONDIVIDI
PrecedenteDimagrimento…del cervello
SuccessivoMiracolo ad Arezzo: i giornali diventano soprassate
Pietro Aretino
« Qui giace l'Aretin, poeta Tosco, che d'ognun disse mal, fuorché di Cristo, scusandosi col dir: "Non lo conosco"! » (Ironica epigrafe indirizzata all'Aretino da Paolo Giovio[1]) È conosciuto principalmente per alcuni suoi scritti dal contenuto considerato quanto mai licenzioso (almeno per l'epoca), fra cui i conosciutissimi Sonetti lussuriosi. Scrisse anche i Dubbi amorosi e opere di contenuto religioso, tese a farlo apprezzare nell'ambiente cardinalizio che a lungo frequentò.

LASCIA UNA RISPOSTA