Caro Patrizio Bertelli, è ora di farsi avanti!

Con tutto il rispetto per la vela, che può avere un ritorno internazionale e costa oltre cento milioni, salvare l’Arezzo e portarla dove la sua storia merita costerebbe due milioni all’anno. Prada in questi anni totalizza ricavi per circa 3,5 miliardi di euro e una simile cifra scomparirebbe nelle pieghe dei bilanci.

Bertelli è nato in piazza Grande, va ancora a messa nella sua Pieve e abita in via delle Conserve.

Nessuno lo obbliga a salvare l’Arezzo, ma la Arezzo sportiva se lo facesse gli sarebbe grata per sempre. Patrizio, chiama il sindaco!

 

CONDIVIDI
PrecedenteNessuno è obbligato
SuccessivoFermata autobus
Pietro Aretino
« Qui giace l'Aretin, poeta Tosco, che d'ognun disse mal, fuorché di Cristo, scusandosi col dir: "Non lo conosco"! » (Ironica epigrafe indirizzata all'Aretino da Paolo Giovio[1]) È conosciuto principalmente per alcuni suoi scritti dal contenuto considerato quanto mai licenzioso (almeno per l'epoca), fra cui i conosciutissimi Sonetti lussuriosi. Scrisse anche i Dubbi amorosi e opere di contenuto religioso, tese a farlo apprezzare nell'ambiente cardinalizio che a lungo frequentò.

LASCIA UNA RISPOSTA