Il treno di Renzi il 4 novembre ad Arezzo? Pronto il comitato di “accoglienza”

A Indicatore e Olmo si stanno già montando i meccanismi telecomandati capaci di far deragliare il treno di Renzi, sia nel caso che venga da nord che da sud.
Il tutto per evitare di avere di nuovo in città il parolaio fiorentino che non convince più nessuno.

Il deragliamento sarà di tipo dolce, quello che prevede che il treno rimanga in piedi, come a piedi dovrà rimanere il Labbrino di Rignano.

Se l’Operazione Deragliamento andrà regolarmente in porto, i partigiani eroi deragliatori verranno insigniti della medaglia al valore civile dal sindaco Ghinelli, anche a nome dell’intera cittadinanza (escluso Marco Donati…)

CONDIVIDI
Precedente Hashtag #satira#umorismo: i tweet della settimana
SuccessivoArezzo, compleanno in musica per Vox Cordis: Diventinventi 2017 – 20 volte Vox
Pietro Aretino
« Qui giace l'Aretin, poeta Tosco, che d'ognun disse mal, fuorché di Cristo, scusandosi col dir: "Non lo conosco"! » (Ironica epigrafe indirizzata all'Aretino da Paolo Giovio[1]) È conosciuto principalmente per alcuni suoi scritti dal contenuto considerato quanto mai licenzioso (almeno per l'epoca), fra cui i conosciutissimi Sonetti lussuriosi. Scrisse anche i Dubbi amorosi e opere di contenuto religioso, tese a farlo apprezzare nell'ambiente cardinalizio che a lungo frequentò.

LASCIA UNA RISPOSTA