Ad Arezzo la mobilità dolce si distribuiscono caramelle ai semafori

Direte che siamo bastian contrari ma immaginare il sindaco Ghinelli che all’assemblea dell’ANCI a Vicenza relazionerà domani su “Componiamo nuovi spazi.
Viaggiare collettivo, infrastrutture utili, mobilità dolce” ci fa un tantino sorridere.

Forse per comporre nuovi spazi si intende buttare giù i muri, anche se con murales; viaggiare collettivo significa incrementare il caos del traffico tutti insieme che in certe ore paralizza la città.
E poi siamo curiosi di conoscere le infrastrutture utili visto che ad oltre due anni dall’insediamento non ne abbiamo vista una.

Ma è soprattutto la “mobilità dolce” che ci fa sorridere, visto che in questo periodo le piste ciclabili per l’amministrazione sono diventate un inutile ingombro, i ciclisti rompono i coglioni anche ai commercianti che vogliono le auto fin dentro i negozi, sperando di riempirle di acquisti.

O forse per “mobilità dolce” si intende distribuire ai semafori caramelle e dolcetti per rendere gli aretini meno isterici.
Il convegno si intitola: Città punto zero, immagina il domani, governa l’oggi:
Bene, a zero ci siamo, il domani si può sognare ma il problema è il governo dell’oggi che manca!

CONDIVIDI
PrecedenteDimmi come fa un piccione…
SuccessivoE’ un problema di misure…
Luciano Petrai
Di professione “curioso”, ha attraversato negli anni ’80 le speranze ecologiste collaborando attivamente con gli Amici della Terra – Italia. Ha cavalcato le delusioni politiche e sociali attraverso una buona dose di auto-ironia e di sarcasmo. Attualmente fa parte della redazione del periodico “Essere” ed esprime note e lazzi in una frequentata pagina facebook ( che usa soprattutto per cuccare). Ed ora l’esperienza ne “L’ortica” per continuare a pungere divertendosi.

LASCIA UNA RISPOSTA