Un consiglio per i pomeriggi domenicali invernali

cartellone per la tombolaCome occupare i pomeriggi domenicali in inverno? Questo è certamente il pensiero che più arrovella le menti degli aretini, di città e di provincia.
Grazie a un lavoro di reportage di livello, noi dell’Ortica siamo in grado di segnalare ai nostri lettori un’opportunità unica.
Nei locali della parrocchia di Pian Di Sco’, vicino all’antica pieve, ogni domenica pomeriggio si tiene una tombola alla vecchia maniera.
Cartellone e schede di cartone, segnapunti di plastica.

L’appuntamento ricorrente è per le 15,30, ma si sopportano ritardi anche fino alle 16,00.
Quale migliore opportunità per risolvere il problema che vi affligge maggiormente?

 

 

CONDIVIDI
PrecedenteParcheggi creativi
SuccessivoPensavano fossero porcini, e invece erano funghi velenosi
Pietro Aretino
« Qui giace l'Aretin, poeta Tosco, che d'ognun disse mal, fuorché di Cristo, scusandosi col dir: "Non lo conosco"! » (Ironica epigrafe indirizzata all'Aretino da Paolo Giovio[1]) È conosciuto principalmente per alcuni suoi scritti dal contenuto considerato quanto mai licenzioso (almeno per l'epoca), fra cui i conosciutissimi Sonetti lussuriosi. Scrisse anche i Dubbi amorosi e opere di contenuto religioso, tese a farlo apprezzare nell'ambiente cardinalizio che a lungo frequentò.

LASCIA UNA RISPOSTA