Campionato nazionale del rutto, le iscrizioni sono aperte

Non è stato ancora riconosciuto come sport olimpico, ma a praticare lo sport del rutto ad Arezzo sono di più di quanti giocano al calcio.
E sono tanti che fra loro ci sono anche campioni così allenati che sono già dati per favoriti al campionato nazionale del rutto, che, come ha scritto Massimo Gramellini sul Corriere della Sera, si svolgerà sabato a Torino. Il campionato laurerà campioni individuali e campioni a squadre.
Vince la squadra o il singolo che alza di più il livello del ruttometro in una prova di cinque minuti.
E’ nel campionato a squadre che i favori del pronostico vanno agli aretini.
Anche perché nessuno è in condizione fisica più della squadra aretina, che ha il vantaggio di potersi allenare giorno e notte: una fiera della salsiccia ad Arezzo si trova tutti i giorni.
Ci sono anche talenti naturali che non hanno neppure bisogno di allenarsi mangiando le salsicce: per mantenere la forma basta che mastichino un po’ di politica e un rutto al secondo è assicurato.
Se la squadra aretina, come si spera, tornerà da Torino con la medaglia d’oro di campione nazionale del rutto, Arezzo potrà rubare a Torino, dove il Corriere della Sera prevede che si svolga, dopo il campionato del rutto, la Champions del catarro.
Vince la squadra che fa più punti con gli sputi.
E qui non c’è partita: ad Arezzo basta richiamare Renzi, al resto ci pensano i risparmiatori azzerati di BancaEtruria.

LASCIA UNA RISPOSTA