Bertelli torna in barca

Patrizio Bertelli a Napoli il 20 aprile 2013. "Per continuare la sfida ci devono dare garanzie, altrimenti niente". Patrizio Bertelli, patron di Luna Rossa, sfidante ufficiale di Coppa America, ipotizza anche un ritiro del suo team dopo l'incidente mortale all'olimpionico Simpson. "Il team è libero di scegliere se continuare o no - ha detto all'ANSA - ma con uno sport estremo servono garanzie". ANSA/STRINGER

Luna Rossa è l’emanazione di Prada in campo velico e non poteva mancare un suo ritorno alle competizioni internazionali.
L’ultima volta il Bertelli, il patron, aveva annunciato il ritiro dalle gare per manifesto tradimento da parte degli organizzatori della Luis Vuitton Cup, preludio classico alla Coppa America.
Ma Luna Rossa era stato un bel propellente per la casa madre Prada; una pubblicità mondiale con annesso divertimento.
Un giorno proprio Bertelli ebbe modo di dire che cento milioni spesi in quella sfida/barca non erano poi tanti, se considerati come investiti in una pubblicità di livello mondiale.

Oggi che i conti di Prada non sono più floridi come quelli di qualche anno fa, ecco che Bertelli torna a cavallo, anzi a bordo, della Luna Rossa.
Torna a giocare e a lanciare la sfida a New Zeland, attuale detentrice della Coppa America, con la speranza che la nuova avventura possa anche contribuire a rivitalizzare il brand madre.

Chissà che al ritorno in acqua non abbia contribuito la voglia di Patrizio di tenersi alla larga da Miuccia Bianchi Prada, femmina (?) con la quale suole litigare più che rappacificarsi… Ma qui si entra nel gossip e noi ce ne asteniamo… (naturalmente non è per niente vero…)

CONDIVIDI
PrecedenteDespacito
SuccessivoCastiglion Fiorentino: la stagione teatrale 2017-18
Pietro Aretino
« Qui giace l'Aretin, poeta Tosco, che d'ognun disse mal, fuorché di Cristo, scusandosi col dir: "Non lo conosco"! » (Ironica epigrafe indirizzata all'Aretino da Paolo Giovio[1]) È conosciuto principalmente per alcuni suoi scritti dal contenuto considerato quanto mai licenzioso (almeno per l'epoca), fra cui i conosciutissimi Sonetti lussuriosi. Scrisse anche i Dubbi amorosi e opere di contenuto religioso, tese a farlo apprezzare nell'ambiente cardinalizio che a lungo frequentò.

LASCIA UNA RISPOSTA