All’Arezzo ci sarebbe voluta tutta la Russia, altro che Mosca… (foto)

L’Arezzo della prima di campionato è stata davvero inguardabile.
Scherzarci sopra, come dovrebbe fare l’Ortica, è come sparare sulla Croce Rossa.
Contro una squadra esordiente in serie C, composta da esordienti in serie C, la figura fatta è stata quella di una banda del corpo sciolto.
Ecco, l’unica giustificazione di una simile sconfitta (2-3 contro l’Arzachena), ma sopratutto di una partita giocata da fare schifo, sarebbe stata una dissenteria collettiva che invece non c’è stata.

L’Arezzo s’è sciolta al sole d’agosto come se in campo ci fosse stato un ghiacciolo.
E’ durata dieci minuti e poi è sparita.
Per salvarla, ieri, ci sarebbe voluta l’intera Russia; altro che Mosca!

La prossima volta converrà mettersi le maglie del Perugia, almeno sembrerà che la figura di m…. l’abbiano fatta gli amati cugini.

CONDIVIDI
PrecedenteL’Arezzo è a posto così
SuccessivoUn parroco africano ha portato in piscina cinque ragazzi italiani
Pietro Aretino
« Qui giace l'Aretin, poeta Tosco, che d'ognun disse mal, fuorché di Cristo, scusandosi col dir: "Non lo conosco"! » (Ironica epigrafe indirizzata all'Aretino da Paolo Giovio[1]) È conosciuto principalmente per alcuni suoi scritti dal contenuto considerato quanto mai licenzioso (almeno per l'epoca), fra cui i conosciutissimi Sonetti lussuriosi. Scrisse anche i Dubbi amorosi e opere di contenuto religioso, tese a farlo apprezzare nell'ambiente cardinalizio che a lungo frequentò.

LASCIA UNA RISPOSTA