Saracino con la tazzina di caffè

Che a capo dell’istituzione giostra del saracino ci fosse un commerciante si era capito.
Infatti dopo gli occhiali della Giostra griffati addirittura da Lapo Elkan che riportano gli stemmi dei quartieri,
domani ci sarà la presentazione delle macchine da caffè dedicate alla Giostra.

Il comunicato di invito alla conferenza stampa che si terrà domani nel chiostro della biblioteca della città di Arezzo (cavoli, che onore) evidenzia che le macchinette per il caffè saranno in edizione limitata con ovviamente i colori della giostra.

Non sappiamo se anche le cialde e le capsule avranno i simboli dei quartieri.
Certo che anche questa iniziativa del caffè potrebbe contribuire a rendere più nervosi gli appassionati dei quartieri che ancora non sanno come comportarsi nelle cene propiziatorie riguardo al consumo di bevande, visto che i commercianti hanno alzato lo scudo, pronti a lanciare le lance se ci fossero deroghe al provvedimento del sindaco sulla vendita degli alcolici.
Già ma i caffè si possono servire anche tutta la notte no?
Wow, soluzione apalissiana.

Intanto nuovi gadget sono pronti per utilizzare l’immagine del buratto.
Lo stesso Lapo, visto il successo degli occhiali che oscurano gli occhi, propone un cavallo elettrico a propulsione solare che renda la giostra più adeguata ai tempi.

Sembra che Cicerchia abbia storto il naso (forse per la spiaccicata fatta alla Quinitana di Ascoli Piceno)
Ma ecchecavolo, bisogna modernizzarsi e che i quartieristi non protestino!

CONDIVIDI
PrecedenteSe la montagna non va alla movida…la movida va alla montagna
SuccessivoLe croci di Castiglioni
Luciano Petrai
Di professione “curioso”, ha attraversato negli anni ’80 le speranze ecologiste collaborando attivamente con gli Amici della Terra – Italia. Ha cavalcato le delusioni politiche e sociali attraverso una buona dose di auto-ironia e di sarcasmo. Attualmente fa parte della redazione del periodico “Essere” ed esprime note e lazzi in una frequentata pagina facebook ( che usa soprattutto per cuccare). Ed ora l’esperienza ne “L’ortica” per continuare a pungere divertendosi.

LASCIA UNA RISPOSTA