Coprifuoco ad Arezzo

Mentre nella sede della Confcommercio il comandante della PM illustrava ai commercianti le linee guida del provvedimento sul divieto degli alcolici, provocando reazioni e possibili ricorsi al TAR da parte della categoria, con interventi particolarmente duri sull’ordinanza del sindaco in quanto giudicata lesiva dei propri interessi, (certo se ogni tanto anche i commercianti alzassero gli occhi dal proprio giardino e fossero più partecipi alle vicende della città sarebbero più credibili)
intanto una rissa in via Vittorio Veneto tra italiani e stranieri ha provocato l’intervento di polizia, carabinieri e vigili urbani.

Denunciata su facebook dalla consigliera Mery Cornacchini aveva provocato le reazioni dei soliti leoni da tastiera arrivando a commenti come: uccidiamoli tutti (gli extra-comunitari ovviamente).
In realtà l’episodio era stato provocato dalla lite di due donne alla quale si erano aggiunte altre persone.

BevoIn ogni caso il sindaco Ghinelli, che tira dritto, forte dell’ordinanza sugli alcolici e poiché vietare è l’unica cosa che sa fare, sta pensando di adottare un’altra delibera e cioè di ordinare il coprifuoco con divieto di uscire di casa dopo le 19.
Però, aggiunge, in casa potete bere quanto volete. Due piccioni con una bella fava!
Arezzo, Arezzo dove stai andando? Quando ne verrai fuori?

CONDIVIDI
PrecedenteGiostra: cene, concerti e spettacoli nei quartieri
SuccessivoL’Arezzo che affronta il campionato che squadra sarà? (Foto )
Luciano Petrai
Di professione “curioso”, ha attraversato negli anni ’80 le speranze ecologiste collaborando attivamente con gli Amici della Terra – Italia. Ha cavalcato le delusioni politiche e sociali attraverso una buona dose di auto-ironia e di sarcasmo. Attualmente fa parte della redazione del periodico “Essere” ed esprime note e lazzi in una frequentata pagina facebook ( che usa soprattutto per cuccare). Ed ora l’esperienza ne “L’ortica” per continuare a pungere divertendosi.

LASCIA UNA RISPOSTA