Ma se anche il Sindaco “tira” (titolo de La Nazione) a che serve proibire l’alcol?

In questi giorni Arezzo è euforica.
L’ordinanza del sindaco Ghinelli di proibire la vendita di alcolici in alcune ore della notte e in determinate zone sta risvegliando gli aretini che stavano sonnacchiosi a bersi una birra di fronte al ventilatore.

Perché qui e non là, perché all’una e non alle due, perché non posso più prendere il caffè corretto alla sambuca?
Anche i commercianti, di solito blanditi da questa amministrazione e silenziosi per ogni altra vicenda accaduta in città a cominciare da quella di Bancaetruria, hanno alzato il bicchiere in segno di protesta.

Il problema dell’ordine pubblico e del decoro sono argomenti seri ma trattarli come si fa con i discoli togliendo loro la marmellata per un mese, senza una programmazione seria per ridare i connotati di serenità e civiltà a questa città, rischia di non portare alcun beneficio.

Il-sindaco-tiraIntanto si sprecano i commenti ironici.
Infatti il sindaco ha istituto una task force di sommelier e non di infermieri, che faranno l’analisi del sangue a chi ha bevuto troppo e verificare se il chianti va sempre di moda.

Ma c’è anche, come La Nazione che ironizza involontariamente, titolando che il Sindaco “tira dritto” e non come Lapo che segue ogni striscia anche in curva!

CONDIVIDI
PrecedenteArrivano gli spacciatori di birra
SuccessivoInsegua quella tartaruga
Luciano Petrai
Di professione “curioso”, ha attraversato negli anni ’80 le speranze ecologiste collaborando attivamente con gli Amici della Terra – Italia. Ha cavalcato le delusioni politiche e sociali attraverso una buona dose di auto-ironia e di sarcasmo. Attualmente fa parte della redazione del periodico “Essere” ed esprime note e lazzi in una frequentata pagina facebook ( che usa soprattutto per cuccare). Ed ora l’esperienza ne “L’ortica” per continuare a pungere divertendosi.

LASCIA UNA RISPOSTA