San Domenico nella cacca – un immigrato ha risolto il problema in men che non si dica

Ieri pomeriggio all’angolo di piazza San Domenico, tra via Madonna Laura (che non è una bestemmia, di solito…) e via di Sassoverde (per via del’umidità…) è scoppiata una fogna e ne è fuoriuscita cacca mista a carta igienica e un po’ d’acqua. Nonostante la siccità l’acqua non è stata recuperata, ma aspirata insieme al resto grazie alle pompe del grande Ortiz.

Si è vissuta un’oretta di panico tra la sorpresa degli gli abitanti del posto e lo sconcerto di turisti dai nasi turati., ma l’intervento delle pompe di un immigrato (com’è l’argentino Ortiz) ha posto fine all’increscioso episodio.

La morale è che non in tutti i quartieri la presenza di immigrati è considerata un fatto negativo…

 

CONDIVIDI
PrecedenteDopo il taglio del pino, il taglio del cappero?
SuccessivoAssenza è presenza
Pietro Aretino
« Qui giace l'Aretin, poeta Tosco, che d'ognun disse mal, fuorché di Cristo, scusandosi col dir: "Non lo conosco"! » (Ironica epigrafe indirizzata all'Aretino da Paolo Giovio[1]) È conosciuto principalmente per alcuni suoi scritti dal contenuto considerato quanto mai licenzioso (almeno per l'epoca), fra cui i conosciutissimi Sonetti lussuriosi. Scrisse anche i Dubbi amorosi e opere di contenuto religioso, tese a farlo apprezzare nell'ambiente cardinalizio che a lungo frequentò.

LASCIA UNA RISPOSTA