Assenza è presenza

Per chi non è commerciante, quindi non ama le folle e i pienoni, Arezzo di luglio in qualche modo è molto piacevole.
Piacevole perchè le strade sono semideserte, non ci sono nè file, nè code, nè resse in alcun luogo.
Passeggiare quasi da soli ovunque è una sensazione bellissima, ti sembra di essere il padrone di Arezzo, niente rompipalle tra i piedi, niente affollamenti nè berci nei bar, nei locali e nelle piazze.
Passeggi e puoi goderti ampi momenti di silenzio, la solitudine può anche essere costruttiva, riconnerti con i pensieri, ritornare ad essere presente a te stesso senza il rumore di fondo degli altri.
Puoi goderti una pizza o una cena all’aperto senza millemila persone accanto, puoi permetterti il lusso di entrare ovunque ed essere quasi l’unico presente.
Per chi non ama il fittume, luglio e agosto sono due mesi che ti ricongiungono con una sorta di pace interiore, lusso che di questi tempi non è poco.
Lasciamo volentieri le code e le masse agli altri, a noi piacciono le strade libere, il traffico ridotto, il vuoto che in realtà riempie dentro.
Purtroppo da settembre ci toccherà di nuovo sorbirci il rientro dei troppo aretini che avremmo ben volentieri lasciati laddove si erano recati.
Ma per ora, caldo a parte, questa è l’estate che piace al Burattino. E spero non solo a lui.

LASCIA UNA RISPOSTA