Fair Play o combine

La Procura della Repubblica di Prato ha aperto un’inchiesta su traffici di giovani leve del calcio africano che si sospetta vengano fatti entrare in Italia con metodi illegali e poi venduti a club calcistici.

Nell’inchiesta poi, a quanto si legge, due sostituti procuratori scoprono accidentalmente che molte partite di squadre dilettanti, pare comprassero/vendessero partite, immaginiamo per soldi.

Tra queste squadre compaiono la Castiglionese, di Castiglion Fiorentino, il Foiano e il Bucine.

Si scopre, non senza stupore, che nello sport il marcio si trova ovunque , non solo nei grandi club dove girano una matassa di soldi, ma anche nei club dilettanti.

La magistratura farà le sue indagini, la giustizia il suo corso, le sentenze devono essere definitive e bla, bla, bla.

Ma a Castiglion Fiorentino da alcuni anni si celebra il Fair Play termine inglese che significa gioco leale, etica comportamentale degli sportivi.
E lo si celebra in pompa magna, con tutti gli amplificatori a disposizione e con tutti i soldi, ovviamente, dei cittadini.

Mica male vero come preso per il culo!

CONDIVIDI
PrecedenteSenza lilleri ‘un si làllera.
SuccessivoBradilik
Domenico Nucci
Nato a Castiglion Fiorentino nel 1957. Dal 1984 al 1999 fa il Direttore dei Penitenziari tra i quali L'Asinara, Nuoro, Locri e Porto Azzurro per oltre 10 anni. Nel 1999 lascia il Ministero della Giustizia e si iscrive all'Ordine degli Avvocati di Arezzo dove esercita ancora la professione forense.

LASCIA UNA RISPOSTA