Con 1 euro ti compri una banca e fotti una nazione

In 20 minuti, come successe nel novembre 2015 per Bancaetruria e le altre tre banche, il Governo in un caldo pomeriggio di domenica ha messo in liquidazione coatta Veneto Banca e Banca Popolare di Vicenza.

E’ come se un castello, quello della fiducia e della solidità, si stesse sgretolando piano piano. E pensare che fino a qualche giorno prima quel pokemon di Padoan che è al Ministero dell’Economia e delle Finanze dichiarava, come aveva già fatto in passato, che il sistema bancario era solido e non c’era da preoccuparsi. Ora le due banche saranno acquisite da Banca Intesa che pagherà 1 euro ma solamente la parte buona lasciando allo Stato tutti i crediti inesigibili che avranno il loro mercato tra gli avvoltoi che li aspettano come cadaveri nel deserto.

Ma non basta. Lo Stato verserà subito a Banca Intesa 4,785 miliardi come anticipo di cassa più 400 milioni come garanzia di crediti dubbi. Ma non è finita qui. Sempre lo stato mette a disposizione altri 12 miliardi per coprire eventuali rischi. Insomma una bella cifra di 17 miliardi che sarebbero bastati a nazionalizzare le due banche, a ripulirle, a dare calci in culo ai manager arruffoni e poi una volta ripulite a rimetterle sul mercato, senza far guadagnare i soliti furbi che sono sempre sul letto del fiume ad aspettare gli idioti.

Del resto questo delle nazionalizzazioni è il meccanismo che hanno usato in USA e Gran Bretagna ma forse lì, nonostante tutto, i governi sono un po’ più seri.

Ma questi nostri geni avevano già rifiutato l’intervento di quattro fondi privati, forse non abbastanza amici degli amici, che sarebbero intervenuti a sostegno della situazione.

Ora, nella confusione totale, in mezzo a questi miliardi che circolano come noccioline, si viene a sapere che nella liquidazione gli azionisti si troveranno carta straccia ( del resto le azioni della Pop.di Vicenza erano scese da 62,5 euro a pochi centesimi come quelle di Veneto Banca da 40,75 euro a quasi zero) ma saranno salvaguardati gli obbligazionisti subordinati con il rimborso dell’ 80% da parte dello Stato e del restante 20% da parte di Banca Intesa.

Un modo per continuare a far incazzare gli azzerati di Bancaetruria che ancora aspettano l’80% e che nessuna UBI Banca ha intenzione di coprire il restante 20%.

In fondo è sempre più chiaro lo scopo propedeutico di questo governo: far incazzare gli italiani per testare la loro pazienza e far dimenticare l’incapacità colpevole e connivente di una classe politica sputtanata.

CONDIVIDI
PrecedenteCarta vince carta perde
SuccessivoVa bene la ciccia, va bene la cultura, ma quanto ci manca uno spettacolo con Renzi!
Luciano Petrai
Di professione “curioso”, ha attraversato negli anni ’80 le speranze ecologiste collaborando attivamente con gli Amici della Terra – Italia. Ha cavalcato le delusioni politiche e sociali attraverso una buona dose di auto-ironia e di sarcasmo. Attualmente fa parte della redazione del periodico “Essere” ed esprime note e lazzi in una frequentata pagina facebook ( che usa soprattutto per cuccare). Ed ora l’esperienza ne “L’ortica” per continuare a pungere divertendosi.

LASCIA UNA RISPOSTA