Carta vince carta perde

Oggi ritorno a fare il disco rotto e tutto sommato penso che lo farò ancora, qui sull’Ortica, finché mi pubblicheranno.

Il Governo soffoca da una decina di anni gli italiani con tasse da urlo.
Poi c’è la Regione che fa altrettanto.
La Provincia lo stesso.
I Comuni pure.

Poi c’è il consorzio di bonifica.
Poi c’è la mitica SEI toscana, che oltre a massacrarti con le sue esose tariffe ti fa fare tutto il lavoro a te con la raccolta differenziata.
Poi c’è l’Enel il gas, l’acqua, i ticket sanitari, le tasse sulla scuola.
Poi mi arrendo perché sono troppe.

Bene a questo punto il Governo invece che fa?
Salva le banche; prima Banca Etruria e poi quelle Venete.

Bene, anzi male!
Perché dare soldi pubblici per esempio agli obbligazionisti subordinati che avevano investito i soldi non è una buona cosa.
In fondo quelle obbligazioni erano a rischio e pertanto a volte si vince e altre si perde.
Carta vince, carta perde
Tutto qui.

Il governo doveva aiutare chi è senza lavoro e smettere di strangolare i cittadini con queste tasse del cazzo!

CONDIVIDI
PrecedenteI have a dream
SuccessivoCon 1 euro ti compri una banca e fotti una nazione
Domenico Nucci
Nato a Castiglion Fiorentino nel 1957. Dal 1984 al 1999 fa il Direttore dei Penitenziari tra i quali L'Asinara, Nuoro, Locri e Porto Azzurro per oltre 10 anni. Nel 1999 lascia il Ministero della Giustizia e si iscrive all'Ordine degli Avvocati di Arezzo dove esercita ancora la professione forense.

LASCIA UNA RISPOSTA