Ad Arezzo ciccia pubblica e cultura privata

Certo è buffo vedere una estate aretina piena di iniziative private dal PASSIONI FESTIVAL con un programma veramente scoppiettante che ridà vita e vigore all’Arena Eden ed un respiro culturale ampio e fresco a questa città, ad ORGISTICAURORA che prosegue in piazza S.Agostino una programmazione che ci ha accompagnato per tutto l’inverno grazie a persone completamente disinteressate come Silvio Trotta e il mitico Cico, grande cerimoniere.

E poi il MENGO FESTIVAL a ricordarci il buon rock del defunto Arezzo Wave, troppo inviso a questa amministrazione.
Già si dirà ma il Comune dove è?
C’è c’è, impegnato ancora una volta a giocare con i celti, i tirolesi, i maghi e le streghe, la ciccia e i brigidini.
Perché questo è il livello pubblico, tutto il resto è privato!

CONDIVIDI
PrecedenteBabbei 2.0
SuccessivoFerretti resta, vince e chiude con il calcio
Luciano Petrai
Di professione “curioso”, ha attraversato negli anni ’80 le speranze ecologiste collaborando attivamente con gli Amici della Terra – Italia. Ha cavalcato le delusioni politiche e sociali attraverso una buona dose di auto-ironia e di sarcasmo. Attualmente fa parte della redazione del periodico “Essere” ed esprime note e lazzi in una frequentata pagina facebook ( che usa soprattutto per cuccare). Ed ora l’esperienza ne “L’ortica” per continuare a pungere divertendosi.

1 COMMENTO

LASCIA UNA RISPOSTA