Il comune analfabeta fa un figurone con gli espositori

C’era in giro una certa ilarità, durante la Fiera Antiquaria di giugno, e parlando con gli espositori si è capito perché.
Il comune di Arezzo aveva fatto pervenire ai medesimi una comunicazione che ricordava l’orario di chiusura dei banchi visto che in parecchi tendono a chiudere prima del dovuto.

Il comunicato era scritto così: Si ricorda che gli orari di chiusura dei propri banchi non può avvenire prima delle 19.

Ai fascisti del nuovo millennio, che albergano in comune, si ricorda che quelli originali riempivano di scuole il territorio. ..

CONDIVIDI
PrecedenteSeparati nella culla: il Presidente del Consiglio Comunale d’Arezzo e Batman
SuccessivoLa rappresaglia
Pietro Aretino
« Qui giace l'Aretin, poeta Tosco, che d'ognun disse mal, fuorché di Cristo, scusandosi col dir: "Non lo conosco"! » (Ironica epigrafe indirizzata all'Aretino da Paolo Giovio[1]) È conosciuto principalmente per alcuni suoi scritti dal contenuto considerato quanto mai licenzioso (almeno per l'epoca), fra cui i conosciutissimi Sonetti lussuriosi. Scrisse anche i Dubbi amorosi e opere di contenuto religioso, tese a farlo apprezzare nell'ambiente cardinalizio che a lungo frequentò.

LASCIA UNA RISPOSTA