Visco vuol restare a Bankitalia altri sette anni: per vigilare sulle banche come ha vigilato su BancaEtruria?

Il Governatore della Banca d’Italia, Ignazio Visco, ha fatto le sue considerazioni finali in vista di ottobre, quando finisce il suo settennato.
Detto che il banchiere più pagato al mondo – guadagna più di Draghi e della presidente della Federal Reserve- ha fatto capire che punta ad un altro settennato, nelle sue considerazioni finali si è guardato bene dal fare un bilancio dei disastri del sistema bancario, a cominciare dal Monte dei Paschi.

Figuriamoci poi della risoluzione di quelle che per Renzi sono “quattro banchette”, BancaEtruria, Banca Marche, Carichieti e Cariferrara, svedute per un euro.
Figuriamoci se ha fatto cenno ai risparmiatori truffati e alle conseguenze che la cancellazione delle obbligazioni e il decreto salvabanche firmato da Renzi e Padoan, senza che Visco battesse ciglio, hanno avuto sul crollo della fiducia in tutte le banche italiane.

Eppure proprio Roberto Nicastro, l’uomo di Bankitalia incaricato di svendere le quattro “banchette”, ha ammesso che BancaEtruria è stata la cavia del bail in, applicato a BancaEtruria, quando non era neppure ancora in vigore, e mai più applicato a nessun altra banca europea.
Visco è il governatore di una banca centrale che da quando c’è l’euro non ha più il compito di battere moneta: ne ha però uno anche più importate, quello di vigilare sulla gestione di tutte le banche italiane.
Lui a vigilare su BancaEtruria ha mandato almeno due volte e per tanti mesi gli ispettori di Bankitalia che alla fine del 2013 avevano concluso le ispezioni avvertendo della necessità di trovare un partner di “elevato standing” . Di più gli ispettori non avevano trovato.

Ma se c’era anche altro perché non l’hanno trovato? Perché – diceva l’accusa rivolta agli amministratori di via Calamandrei – il loro lavoro di vigilanza era stato ostacolato. Insomma Visco avrebbe mandato in via Calamandrei ispettori incapaci di guardare oltre gli ostacoli.
Che non siano capaci di vigilare è possibile, ma che abbiano trovato ostacoli è stato escluso da una sentenza del tribunale che ha assolto con formula piena i supposti ostacolatori.
E Visco, come se niente fosse, non solo si è ben guardato dal parlare dei risparmiatori truffati, ma ha anche detto, per farsi bello con Draghi che aveva al suo fianco, che Bankitalia è efficiente e ha visto per tempo tutte le situazioni di crisi, senza fare errori e senza ritardi.

Lo dica anche ai risparmiatori truffati di BancaEtruria quando vanno sotto le finestre del Palazzo di Bankitalia per protestare e chiedere di essere rimborsati.
E poi , prima di mandare gli ispettori a vigilare, li doti di un paio di occhiali da vista: così vedranno vedere “per tempo tutte le situazioni di crisi”

LASCIA UNA RISPOSTA