Da Gigi il Troione

Affermava sicuro di sè Berlusconi qualche anno fa, che tutti dicono che c’è la crisi, ma al sabato sera pizzerie e ristoranti sono sempre pieni.
Aveva ragione.

Ad Arezzo a tantissimi piace piangersi addosso, si professano poveri e disgraziati, senza un euro in tasca, ma se tu provi ad andare al ristorante di sabato all’ultimo minuto, senza avere prenotato, sei fregato.
La ressa fuori e dentro i locali mangerecci è incredibile, dal blasonato ristorante a cinque stelle, via via fino alla trattoria infima da tovaglia a quadretti, è un tripudio di “siamo pieni, ci dispace, ma non aveva prenotato ?”

Sono gli stessi aretini che si abbuffano tra pecorino, chianina e pizza sottile (quella napoletana piace meno, chissà perchè), che al lunedì tornano a piangere miseria pubblicamente, che affermano di non sapere come arrivare a fine mese, le spese, le bollette, i pannolini del pupo, la rata della csa, ma che magicamente al venerdì sera cambiano pelle.

Il chiagni e fotti all’aretina è ormai diventato di uso comune, ma sicuramente qui è declianto nel “chiagni e magni”.
Da Gigi il Troione naturalmente.

CONDIVIDI
PrecedenteMa a Saione seminano il Karkadè, mica il pisciacane
SuccessivoNudi for Africa
Il Burattino
Giocatore incallito di verbi e parole, iconoclasta e irrispettoso, non si piega e non si spezza, specialmente quando il gioco si fa duro, egli comincia a giocare. Abituato a prendere botte si difende a colpi di mazza, poliglotta e multietnico, è forse il primo immigrato di Arezzo dalle calde terre dell'Africa.

LASCIA UNA RISPOSTA