Stradivarius e il palazzo dell’ex Banca Toscana

Da poco prima di Natale 2016 Stradivarius ha aperto in città uno store (ora si dice così…) nell’ex palazzo della Banca Toscana all’angolo tra Corso Italia e Via Roma.

Hanno lavorato in fretta per riuscirci e la parte alta del palazzo è rimasta incompiuta, tanto che ci sono finestre rotte, una piccionaia di mattoni forati e una generale condizione di abbandono. Sotto luci sfavillanti e sopra abbandono.

Ma quando gli hanno dato il permesso di effettuare il maquillage, i tecnici comunali dov’erano? Non si poteva imporre di sistemare tutto?

2017-03-08 21.50.07

 

CONDIVIDI
PrecedenteIl giudice distratto
SuccessivoChe bambola!
Pietro Aretino
« Qui giace l'Aretin, poeta Tosco, che d'ognun disse mal, fuorché di Cristo, scusandosi col dir: "Non lo conosco"! » (Ironica epigrafe indirizzata all'Aretino da Paolo Giovio[1]) È conosciuto principalmente per alcuni suoi scritti dal contenuto considerato quanto mai licenzioso (almeno per l'epoca), fra cui i conosciutissimi Sonetti lussuriosi. Scrisse anche i Dubbi amorosi e opere di contenuto religioso, tese a farlo apprezzare nell'ambiente cardinalizio che a lungo frequentò.

1 COMMENTO

LASCIA UNA RISPOSTA