La quinta ora del venerdì

La quinta ora del venerdì, durante la quale da ormai un mese ho la rara fortuna (“Ma io perché venirvi? o chi ‘l concede?”) di leggere ad alta voce Dante tentando perdipiù vanamente e malamente di ricondurlo a una spiegazione scolastica da decenni sempre uguale a uso e consumo di una Terza che, ormai priva di ossigeno e tetragona all’ammutinamento, mi segue o sembra seguirmi con occhi di pesce e bava alla bocca, è uno di quei misteri che mi porterò colà dove si puote ciò che si vuole e più non dimandate, anche se questo vi sembra uno status dannatamente retorico ed egoriferito in pieno stile facebookiano grazie.

CONDIVIDI
PrecedenteI dipendenti di Banca Etruria hanno perso il sorriso
SuccessivoScandalo Coldplay – concerti a Milano il 3 e 4 luglio 2017, ma i biglietti…
Giannino Stoppani
Giannino Stoppani è insegnante, scrittore, sceneggiatore e critico/giornalista. Ha collaborato con il Pesaro Film Festival. Ha pubblicato con Falsopiano. Ha curato per anni la collana di cinema Bietti Heterotopia. Ha lavorato come aiuto regista e assistente di produzione in Italia e negli Stati Uniti. Come membro Fipresci continua a seguire festival e rassegna internazionali di cinema (Egitto, India, Svizzera). Vive orgogliosamente ad Arezzo.

LASCIA UNA RISPOSTA