Dio ce ne Scanzi e liberi

Dopo aver dato un’occhiata a storia breve del fu Benigni di Andrea Scanzi, articoletto con il quale la penna aretina cerca di demolire il comico toscano, ho anche letto uno dei commenti che seguono l’articolo e lo riporto.

Stefano Gabiccini scrive:

“Scanzi, ultimamente, ha perso pure la parvenza del giornalista.
Non una parola sulle motivazioni che spingono Benigni a votare SI’ .
A me piacerebbe invece sapere cosa spinge Fo a votare NO .
Benigni ha vinto un Oscar, Fo un Nobel, sono entrambi grandi italiani.
Io non sento il bisogno di insultare il secondo nè di incensare il primo.
Ma Scanzi, povero Scanzi, ormai si è rivelato per quel che è: un giornalista mediocre che vende molto bene cio’ che ha avuto dalla buona sorte ovvero la sua bella immagine ,la quale compone molto del suo biglietto da visita oltre che della sua personalità.
Da persona scaltra ed arrivista, non intelligente, ha fatto suo il modus faciendi del grillino perfetto ovvero, quando non puoi disquisire su un tema perchè non hai argomenti validi da contrapporrre, cerca di demolire l’antagonista, rendendolo spregevole e meschino.
La strategia del fango di cui Sallusti & Co. si sono ampiamente serviti negli anni bui del berlusconismo.
E il ciclo si ripete.
P.S. Anche io sono toscano, mi piaceva il Monni ma non ho niente a che spartire con Scanzi, detesto gli arrivisti, ignoranti o meno che siano.”

Dio ce ne Scanzi e liberi, indipendentemente dal SI o dal NO.

CONDIVIDI
PrecedenteRenzi è la “buona scuola”, Macrì è la “buona notizia” ed Estra istituisce il Pulitzer di marzapane
SuccessivoIl paraculismo che scalda il cuore.
Gino Perticai
Dal 1973 nel mondo della comunicazione, una breve esperienza Milanese con A.P.C. agenzia di Marketing, con l’avvento delle prime radio in Fm inizia una serie di esperienze nelle radio locali: Radio Torre Petrarca, Radio OK, Golden Radio, Radio Life,  fino al 1998 momento in cui l’innata curiosità e la voglia di sperimentare novità lo portano a maturare il primo interesse sul world wide web. E' da lì che nel 2000 nasce l’idea delle prime testate regionali on line. Fonda Arezzo Notizie e la dirige fino al Giugno 2016. l'Ortica è la sua nuova scommessa.

1 COMMENTO

LASCIA UNA RISPOSTA